Comunicato stampa

17 anni di avventura militare in Kosovo, basta!

Il Consiglio federale vuole prolungare di tre anni l’impegno dell’esercito svizzero in Kosovo, ma rifiuta di decidere che sarà l’ultima proroga. Il proseguimento di questa avventura militare senza scopo e di dubbia utilità in Kosovo, rispettivamente la sua proroga oltre questi tre anni, è un grave errore. I nostri soldati devono finalmente essere rimpatriati. Le risorse che si libereranno dovranno essere investite direttamente nella sicurezza del nostro paese e della sua popolazione. 

Il Consiglio federale intende prolungare l’impegno militare in Kosovo, la cui utilità è più che dubbia, che non risponde ad alcun obiettivo preciso e che, inoltre, viola la tradizionale neutralità della Svizzera. Ancor peggio, rifiuta di porvi fine anche dopo questi tre anni supplementari. Sono ormai 17 anni che “Swisscoy” interviene al servizio della NATO, presto saranno addirittura 20, se la proroga sarà accettata. Se effettivamente la presenza dell’esercito svizzero avesse dovuto servire a stabilizzare questo piccolo Stato, questa missione sarebbe dovuta essere finita da tempo. E da tempo ci si sarebbe anche dovuti porre delle domande circa l’effettiva utilità di questa missione della NATO. D’altronde, quest’ultima ridurrà in un prossimo futuro il suo effettivo in Kossovo, che inizialmente era di 50’000 uomini, a circa 2’600. 
 
Per l’UDC è fuori questione che i soldati svizzeri siano incaricati di “togliere le tende e spegnere le luci” quali ultimi partenti, quando altri paesi hanno già da tempo posto fine al loro impegno o hanno ridotto massicciamente le loro truppe. L’UDC interverrà quindi nelle commissioni di politica di sicurezza delle due Camere e nei plenum, affinché si ponga termine a questa storia infinita. È fuori questione per l’UDC, accettare una nuova proroga senza che la Svizzera fissi un rimpatrio definitivo dei suoi soldati nel 2020. Le risorse che saranno così liberate dovranno essere investite direttamente nella sicurezza del nostro paese  e della sua popolazione.  

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.05.2020
Il numero di persone entrate illegalmente in Svizzera è fortemente calato grazie all’intensificazione dei controlli alle frontiere... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
18.05.2020
La Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (CPS-CN) esamina oggi un progetto di legge che... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
15.05.2020
È urgente rivedere il Codice di procedura penale svizzero. L’attuale legge protegge i delinquenti a tal punto... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo