Comunicato stampa

20 anni bastano – l’UDC rifiuta il prolungamento dell’impegno in Kosovo

Sono vent’anni che l’esercito svizzero è impegnato in Kosovo e ilo Consiglio federale chiede un nuovo prolungamento di tre anni e pure un aumento dell’effettivo di 30 persone. L’UDC s’oppone al prolungamento di questa costosa avventura militare, la cui inutilità è dimostrata da diversi anni.

Nel 2016, il Consiglio federale ha prolungato l’ultima volta questo impegno militare in Kosovo, un’azione onerosa e assolutamente inutile ormai già da diversi anni e, oltretutto, in violazione della tradizionale neutralità della Svizzera. Ma, invece di finalmente ritirare i soldati svizzeri, il Consiglio federale vuole prolungare il loro impiego di tre ulteriori anni e addirittura rafforzare il loro effettivo che passerebbe da 165 a 195 unità. 

Sono 20 anni che la “Swisscoy” partecipa alla missione internazionale della NATO Kosovo Force (KFOR). Ma il Kosovo è riconosciuto da 10 anni quale Stato sovrano. Sarebbe ora, ritiene l’UDC, che questo paese si assuma finalmente le responsabilità fondamentali di qualsiasi Stato sovrano, invece di caricarla sulle spalle di eserciti stranieri. Se effettivamente la presenza dell’esercito svizzero avesse dovuto servire a stabilizzare questo piccolo Stato, è allora evidente che questo impegno sarebbe dovuto finire da tempo con successo.  

L’UDC invita il Consiglio federale a porre finalmente fine a questo discutibile impegno in Kosovo e a far tornare i nostri soldati. L’UDC s’impegnerà con determinazione in parlamento per mettere fine a questa storia infinita. Le risorse militari e finanziarie così liberate potranno essere impiegate direttamente per la sicurezza degli abitanti della Svizzera.  

La decisione odierna del Consiglio federale ha un altro aspetto sconcertante: infatti, essa interviene appena prima di un giro d’ispezione in Kosovo, da parte di una delegazione della Commissione di politica estera del Consiglio nazionale.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.05.2022
L'UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.05.2022
Oltre il 41% degli stranieri condannati ha il permesso di rimanere in Svizzera, anche se la Costituzione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
12.05.2022, di Gregor Rutz
In tempi di crisi, la resistenza e il funzionamento di un ordine statale diventano evidenti. Se la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo