Comunicato stampa

Accordi bilaterali senza sottomissione e senza libera circolazione delle persone sono possibili

L’UDC accoglie con favore l’avvio, da parte del suo consigliere federale Ueli Maurer, di negoziati con la Gran Bretagna in vista della stipulazione di un accordo sui servizi finanziari. Il settore delle finanze e delle assicurazioni avrà così un accesso transfrontaliero al mercato. Il grande vantaggio di questo progetto d’accordo è che la Svizzera non è costretta a sottomettersi a una potenza straniera perché, contrariamente all’UE, la Gran Bretagna non esige né integrazioni istituzionali, né il diritto alla libera immigrazione dei suoi cittadini.

L’UDC si rallegra di vedere il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro britannico delle finanze, Rishi Sunak, avviare dei negoziati allo scopo di stipulare un accordo sui servizi finanziari fra la Gran Bretagna e la Svizzera. Questa convenzione dovrebbe facilitare l’accesso transfrontaliero al mercato per un ampio ventaglio di servizi finanziari nei settori assicurativo, bancario e di gestione di beni e di infrastrutture del mercato di capitali. Avviando queste discussioni, il ministro UDC delle finanze Ueli Maurer conferma ancora una volta la sua lungimiranza perché, a seguito della Brexit, l’UE ha perso il più importante mercato finanziario accanto a quello di Zurigo.

Nella crisi, la libera circolazione delle persone costerà ancora più cara alla Svizzera

Se l’UDC approva questo progetto di trattato, è anche perché esso dimostra che la Svizzera può benissimo stipulare degli accordi bilaterali a suo vantaggio e su piede di parità con il suo partner, quindi senza integrazione istituzionale e, soprattutto, senza accordare un diritto alla libera immigrazione.

La situazione è esattamente inversa negli accordi conclusi con l’UE, perché Bruxelles esige che la Svizzera si sottometta al diritto UE e le impone la libera circolazione delle persone. Questo vizio di fondo inerente ai rapporti con l’UE è costato molto caro alla Svizzera dall’introduzione completa della libera circolazione delle persone nel 2007, e le costerà ancora più caro in avvenire a causa del degrado della situazione economica. Confrontati con circa 14 milioni di disoccupati, i paesi membri dell’UE sono infatti colpiti dalla crisi più duramente che non la Svizzera. Ciò significa che il nostro paese diventa ancora più attrattivo per una manodopera a buon mercato che affluisce dall’UE per trovare un lavoro o per sistemarsi nel nostro generoso sistema sociale. Grazie alla libera circolazione delle persone, tutta questa gente ha il diritto di venire in Svizzera.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
24.07.2020, di Jean-Luc Addor
Dieci anni fa, nel 2010, accettando l’iniziativa per l’espulsione degli stranieri criminali, gli Svizzeri diedero al Parlamento... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
13.07.2020, di Thomas Aeschi
La libera circolazione delle persone con l’UE impedisce che degli stranieri criminali siano effettivamente espulsi. Una nuova... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
15.03.2020
Dopo il potenziamento delle misure contro il coronavirus comunicate lo scorso venerdì dal Consiglio federale, per UDC... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo