Comunicato stampa

Accordo-quadro con l’UE: l’UDC chiede l’interruzione dell’esercizio

Il Consiglio federale ha presentato oggi un bilancio intermedio dei negoziati su un accordo-quadro con l’UE. Non si sa quali altre concessioni il Consiglio federale intenda fare a Bruxelles rispetto a quelle annunciate finora – e ciò nonostante le famose linee rosse che il Consiglio federale afferma non voler oltrepassare. Nonostante queste linee rosse, il governo vuole chiedere quest’estate l’opinione dei partner sociali e dei cantoni, in merito alle misure d’accompagnamento. Questo atteggiamento prova che il Consiglio federale s’è impantanato e che le sue linee non sono poi così rosse.

Ciò che si sa, per contro, è che l’accordo-quadro ha per obiettivo di forzare la Svizzera a riprendere automaticamente il diritto UE in settori importanti, senza che essa abbia potuto partecipare allo sviluppo di detto diritto. L’autodeterminazione della Svizzera, che ha dato prova della sua efficacia e, soprattutto, il diritto di voto delle cittadine e dei cittadini, sarebbero liquidati. La Svizzera abbandonerebbe la sua sovranità legislativa. I giudici stranieri deciderebbero al nostro posto e, se la Svizzera non applicasse le loro decisioni, l’UE avrebbe il diritto di sanzionarla.

L’UDC chiede al Consiglio federale di parlare infine apertamente con l’UE. Questo accordo-quadro non è accettabile per la Svizzera. Affinché la Svizzera rimanga la Svizzera, essa deve decidere lei stessa del suo avvenire.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
20.10.2018
L'UDC accoglie con piacere la decisione della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale, di invitare il... continua a Leggi
Editoriale
Condividi articolo
16.10.2018, di Oskar Freysinger
E così, il Comitato dei diritti dell’uomo dell’ONU, organo di sorveglianza dell’Alto commissariato per i diritti dell’uomo... continua a Leggi
Editoriale
Condividi articolo
15.10.2018, di Gregor Rutz
Gli avversari dell’iniziativa per l’autodeterminazione ripetono come un disco rotto che la Svizzera diventerebbe un partner contrattuale... continua a Leggi
Continua
Temi e posizioni
Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Famiglia

Responsabilità personale invece di controllo.

Sanità

Qualità grazie alla concorrenza.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Politica d'asilo

 Porre finalmente fine al caos nell’asilo

Politica economica

Più libertà economica, invece di burocrazia.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo