Comunicato stampa

Ancora una violazione della Costituzione da parte della maggioranza del Consiglio federale

Mentre che PLR e PS si sono inchinati oggi di fronte all’UE accettando una legge d’applicazione che viola crassamente l’articolo costituzionale voluto dall’iniziativa contro l’immigrazione di massa, la maggioranza del Consiglio federale anche il Consiglio federale non si vergogna di mostrare la sua vera faccia al popolo svizzero. Il governo ha infatti deciso di ratificare il protocollo concernente la Croazia, mentre che questo testo è in chiaro contrasto con l’art. 121a della Costituzione federale e con una condizione emessa dal Parlamento.

Nell’articolo costituzionale 121a (cpv 4) approvato il 4 febbraio 2014 dal popolo svizzero si legge testualmente quanto segue: „Non possono essere conclusi trattati internazionali che contraddicono al presente articolo.“ Inoltre, il Parlamento ha accettato il 17 giugno 2016 la ratifica dl protocollo unicamente a condizione che   esista „una regolamentazione dell’immigrazione compatibile con il diritto svizzero“. È perciò chiaro che l’estensione della libera circolazione delle persone alla Croazia, da una parte viola direttamente la Costituzione perché estende questa libera circolazione anziché limitarla; e dall’altra, come è incontestabile che la decisione del Parlamento concernente l’applicazione dell’iniziativa contro l’immigrazione di massa (art. 121a cst.) non risponde in alcun modo alle esigenze costituzionali, non si può nemmeno affermare che la condizione fissata dal Parlamento per la ratifica del protocollo concernente la Croazia sia adempiuta. Anche da questo punto di vista, l’ordine giuridico svizzero non è rispettato.

Bisogna dunque ammettere che il Consiglio federale ignora una volta di più la Costituzione e la volontà del popolo con questa decisione inaccettabile. L’UDC respinge categoricamente questa violazione della Costituzione da parte del governo federale e continuerà a battersi con tutte le sue forze per il rispetto del popolo che ha chiesto la limitazione dell’immigrazione di massa.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
23.01.2020, di Alex Kuprecht
Il Consiglio federale intende istituire un’onerosa istituzione sociale, ossia le cosiddette prestazioni transitorie destinate ai disoccupati anziani,... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
20.01.2020
Nel contesto del Patto dell’ONU per la migrazione, l’UDC chiede che il Consiglio federale sia obbligato in... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.01.2020
L’UDC rifiuta la prestazione transitoria per disoccupati anziani (rendita-ponte) proposta dal Consiglio federale. La sua proposta di... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo