Comunicato stampa

Appello aperto al Consiglio federale per assicurare il turismo invernale

Si moltiplicano i segnali secondo i quali il Consiglio federale pensa, in particolare a seguito di pressioni straniere, di limitare fortemente il turismo invernale in Svizzera, nell’ambito della sua strategia contro la pandemia di Covid-19. I sottoscritti rappresentanti dei cantoni turistici nel Parlamento federale si preoccupano perciò vivamente per le migliaia di imprese toccate, la cui sopravvivenza dipende dagli introiti realizzati durante il limitato numero di settimane di vacanza invernali. 

Durante le scorse settimane, le imprese turistiche hanno elaborato dei dispositivi di protezione completi. Ciò significa che stanno prendendo a cuore la sicurezza della popolazione e che stanno preparando seriamente la stagione invernale. Non è perciò accettabile che il Consiglio federale imponga, poco prima dell’apertura della stagione sciistica, delle restrizioni quasi inapplicabili, estendendo le misure stabilite a tutto il paese e senza differenziare. Questa decisione provocherebbe delle perdite economiche inestimabili.

Per sostenere, di fronte a questa difficile situazione, il Consiglio federale e la sua strategia finora intelligente – perché differenziata e cantonale – di lotta contro la pandemia di Covid-19, i sottoscritti parlamentari federali di diversi partiti politici, rivolgono al governo le seguenti richieste:

  1. Bisogna rinunciare a nuove restrizioni imposte a livello federale su tutto il territorio che colpiscano il turismo invernale.
  2. Le eventuali ulteriori esigenze in termini di dispositivi di protezione concernenti il turismo invernale devono rimanere, come le altre misure, di competenza dei cantoni.
  3. Bisogna rinunciare a limitare la capacità delle regioni sciistiche in tutto il paese, tanto più che questo intervento provocherebbe principalmente la concentrazione dei clienti negli spazi d’attesa e nelle stazioni turistiche. Inoltre, non si vede quale differenza ci sarebbe fra un tram o un bus pieno e una telecabina. Il più sovente, la permanenza in una telecabina è perfino molto più breve che in un tram o in un bus.
  4. Le imprese turistiche hanno il dovere di applicare senza eccezioni e rigorosamente i dispositivi di protezione, in particolare l’obbligo di portare la mascherina e il rispetto delle distanze.

Albert Rösti, consigliere nazionale BE
Erich von Siebenthal, consigliere nazionale BE
Magdalena Martullo, consigliera nazionale GR
Martin Schmid, consigliere agli Stati GR
Monika Rüegger, consigliera nazionale OW
Petra Gössi, consigliera nazionale SZ
Nicolo Paganini, consigliere nazionale SG
Philippe Bregy, consigliere nazionale VS
Franz Ruppen, consigliere nazionale VS
Thomas Matter, consigliere nazionale ZH

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
05.07.2022, di Andreas Glarner
Reso tabù e nascosto dai media, ecco un altro grave svantaggio dell'immigrazione incontrollata: gli edifici scolastici di... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
04.07.2022, di Thomas Burgherr
Il Presidente del Centro (ex PPD) auspica l'introduzione di dazi sul clima e la fornitura di munizioni... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2022
Ad un esame più attento, il rapporto del Consiglio federale sulla nutrizione si rivela del tutto inadeguato.... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo