Comunicato stampa

Basta con le vessazioni – l’UDC esige che venga ridata la libertà!

Le previsioni della task force scientifica si sono rivelate tutte delle mere storielle dell’orrore. Il fatto è che la pandemia di Covid-19 è in ritirata. Anche le Cassandre dell’UFSP hanno dovuto ammetterlo. Ecco perché le vessazioni nei confronti della popolazione devono cessare immediatamente. L’UDC esige l’apertura immediata di tutti i settori.

I terribili scenari con i quali la task force scientifica ci ha messo in guardia per mesi su ogni piccolo allentamento deciso, si sono rivelati niente più che mere storielle dell’orrore. Nulla di tutto ciò si è avverato. Al contrario, tutti i dati chiave relativi alla pandemia sono in calo. Inoltre, più del 70% delle persone sopra i 65 anni in Svizzera sono ora protette con almeno una dose di vaccino e più del 65% delle persone sopra i 75 anni sono completamente vaccinate.

L’UDC esige quindi in modo risoluto che il Consiglio federale restituisca finalmente e immediatamente la libertà ai cittadini e alle imprese. Nella sua risposta alla consultazione relativa all’ordinanza del Consiglio federale sullo svolgimento delle grandi manifestazioni, l’UDC ha chiesto espressamente quanto segue:

  1. Abrogazione delle misure Covid-19 sul posto di lavoro, in particolare l’abrogazione dell’obbligo di home-office e l’obbligo di indossare la mascherina sul posto di lavoro quando sono garantiti i concetti di protezione e il distanziamento sociale;
  2. Abolizione del limite massimo di persone ammesse agli eventi privati con amici e familiari, sia all’interno che all’esterno;
  3. Abolizione del limite massimo di persone ammesse alle riunioni in spazi pubblici e alle manifestazioni pubbliche;
  4. Abolizione del limite massimo di persone nei negozi e in altri luoghi di servizio;
  5. Apertura di ristoranti e bar e abolizione dei posti a sedere obbligatori e della chiusura imposta tra le 23 e le 6 del mattino;
  6. Apertura delle strutture culturali, sportive e per il tempo libero, sia all’interno che all’esterno;
  7. Innalzamento del limite delle persone ammesse agli eventi e alle attività culturali ricreative;
  8. Abrogazione delle misure Covid-19 sul canto;
  9. Rimozione delle misure Covid-19 sugli sport indoor e outdoor;
  10. Abolizione del limite massimo di persone per l’istruzione di livello terziario e i corsi nel settore del tempo libero.

Questa ordinanza fornisce agli organizzatori di eventi delle linee guida su come le grandi manifestazioni di importanza sovraregionale devono essere condotte dopo il 1° luglio 2021 per quanto riguarda la protezione della salute. Allo stesso tempo, viene anche definita la ripartizione dei costi delle grandi manifestazioni annullate a breve termine dalla Confederazione e dai cantoni. Ciò che manca, tuttavia, sono passi concreti verso un’apertura. Senza quest’ultimi, gli organizzatori di festival, congressi e fiere saranno diffidenti anche solo a considerare la pianificazione di tali eventi.

Molte delle misure proposte, come il divieto di vendere i biglietti ai gruppi di tifosi avversari, andrebbero scartate a priori e catalogate come inutili persecuzioni. Le vaccinazioni, i test e le prove di guarigione servono proprio a garantire che gli eventi possano essere organizzati e frequentati senza ulteriori restrizioni. È completamente inaccettabile che gli organizzatori debbano implementare concetti di protezione aggiuntivi. Questo equivale a un divieto indiretto per gli eventi privati organizzati su base associativa o di volontariato. Questa inutile burocrazia indotta dai funzionari statali va abolita.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Conferenza stampa
Condividi articolo
15.10.2021
Insieme al proprio movimento giovanile, l'UDC ha lanciato oggi la campagna contro l'inasprimento della legge Covid-19. Alla conferenza... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
07.10.2021
Le esagerate misure restrittive non sono più giustificate. Il numero dei contagi sta diminuendo e le unità... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
30.09.2021
La Svizzera deve ancora una volta gettare 1,3 miliardi di Franchi dei contribuenti tra le fauci dell'UE... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo