Comunicato stampa

Basta contorsionismi: si parli chiaro finalmente!

Il Consiglio federale ha deciso oggi di proseguire con i negoziati con l’UE su un accordo-quadro, benché questo progetto sia un attacco frontale all’indipendenza della Svizzera e sia pure perfettamente inutile. Inoltre, il governo non vuole prendere decisioni, per il momento, in merito al contributo svizzero alla coesione dell’UE. È un primo, ma molto timido, passo nella giusta direzione. Detto questo, il Consiglio federale deve finalmente prendere delle decisioni ferme par rafforzare la posizione della Svizzera di fronte all’UE.

L’UDC invita il Consiglio federale a dare finalmente prova di fermezza di fronte all’UE e a difendere rigorosamente gli interessi della Svizzera, in occasione dei prossimi incontri con Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione UE. Si tratta in particolare di far ben capire ai funzionari dell’UE i punti seguenti:

  • La Svizzera è uno Stato nazionale neutrale e indipendente nel cuore dell’Europa. Essa non aderirà mai all’UE e neppure accetterà che un accordo-quadro inaccettabile limiti la sua sovranità. Una ripresa automatica del diritto UE, delle “clausole ghigliottina”, delle sanzioni unilaterali o dei giudici stranieri, sono fuori questione. La Svizzera non tollererà mai che le sentenze della Corte di giustizia dell’UE siano per lei vincolanti.
  • I colloqui in corso fra il Consiglio federale e l’UE inerenti a un accordo-quadro sono inutili e indeboliscono il nostro paese. Devono quindi essere immediatamente interrotti. La Svizzera non ha alcun bisogno di tale accordo-quadro e non può in ogni caso accettare le condizioni poste dall’UE.
  • Nuovi contributi della Svizzera alla coesione dell’UE sono fuori discussione. Non c’è alcuna ragione perché la Svizzera continui a versare miliardi di franchi dei contribuenti per sostenere dei progetti discutibili dell’UE, senza ottenere delle contropartite autentiche e di pari valore.

A seguito di queste considerazioni, l’UDC invita il Consiglio federale a chiudere finalmente i negoziati su un accordo-quadro con l’UE e a confermare così il suo impegno per la sovranità della Svizzera. È anche fuori questione che la Svizzera versi nuovi contributi all’UE.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.02.2019
L'UDC si rallegra dell’accordo commerciale firmato oggi dal ministro britannico del commercio Liam Fox e il ministro... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
11.02.2019, di Roger Köppel
Il Consiglio federale ha avviato le cosiddette “consultazioni” sul progetto d’accordo-quadro istituzionale UE-Svizzera. Il reale obiettivo di... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
31.01.2019
L'UDC è allibita di fronte al sostegno che l’associazione economiesuisse dà all’accordo istituzionale Svizzera-UE. L’organizzazione mantello dell’economia... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più varietà, meno Stato.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Finanze, imposte e tasse

Di più al ceto medio, meno allo Stato.

Trasporti

Via libera senza vessazioni.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Politica d'asilo

 Porre finalmente fine al caos nell’asilo

Politica economica

Più libertà economica, invece di burocrazia.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo