Comunicato stampa

Basta contributi svizzeri allo sviluppo dell’UE

La Svizzera deve immediatamente smettere di contribuire al fondo di coesione dell’UE. Si è infatti appreso oggi, in occasione della visita del ministro polacco dell’economia, che quasi la metà del contributo svizzero, ossia 500 milioni di franchi, è andata alla Polonia, una delle economie più dinamiche d’Europa, che registra dei tassi di crescita di molto superiori a quelli della Svizzera.

Ricevendo oggi il ministro polacco degli investimenti e dello sviluppo economico, il Consiglio federale ha pubblicato un euforico comunicato nel quale annuncia che la Polonia è non solo un partner commerciale importante della Svizzera, ma anche attualmente una delle economie più dinamiche d’Europa.

La Polonia registra effettivamente dei tassi di crescita sensibilmente più elevati della Svizzera: 5% nel 2018 e le previsioni di crescita annunciano il 3,7% per il 2019. A titolo di paragone, il Segretariato di Stato all’economia (SECO) ha annunciato una crescita reale del PIL svizzero del 2,5% nel 2018 e, per l’anno in corso, ha corretto al ribasso le sue previsioni, ossia dall’1,5 all’1,1%.

È quindi il colmo dell’assurdità vedere proprio la Polonia fare la parte del leone, dunque ricevendo 500 milioni di franchi, del contributo di 1,3 miliardi di franchi che la Svizzera ha versato a Bruxelles nell’ambito dell’estensione dell’UE. Di fronte a questo enorme spreco di denaro, l’UDC chiede che cessino immediatamente i versamenti miliardari all’UE. Questo denaro dei contribuenti deve essere investito in Svizzera a vantaggio delle cittadine e dei cittadini svizzeri.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.05.2019
La Commissione dell’economia del Consiglio nazionale (CET-CN) chiede al Consiglio federale di riaprire i negoziati con l’UE... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
06.05.2019, di Thomas Matter
L'immigrazione incontrollata in Svizzera pone sempre più problemi. Alle Svizzere e agli Svizzeri rimane sempre meno denaro... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.05.2019
Ai rifugiati riconosciuti è proibito recarsi nel loro paese d’origine o nella loro patria. Il Consiglio federale... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo