Comunicato stampa

Come previsto, dopo le elezioni PLR e PPD approvano il regalo di un miliardo all’UE

Durante la prossima sessione invernale, il parlamento federale esaminerà il progetto del cosiddetto miliardo per la coesione dell’UE, dunque a favore dei paesi dell’est membri dell’UE. Il gruppo UDC è il solo a rifiutare con determinazione questo versamento. Come previsto, il PLR e il PPD si sono inchinati di fronte a Bruxelles e accettano di fare questo regalo di 1,3 miliardi di franchi.

Lo scorso mese di agosto, i membri PLR, PPD e PS della Commissione di politica estera del Consiglio nazionale (CPE-CN) hanno rinviato il dibattito sul miliardo per la coesione dell’UE con argomenti speciosi e, in particolare, con il pretesto di aver bisogno di informazioni supplementari da parte del Consiglio federale. In realtà, questi partiti avevano paura di dichiararsi prima delle elezioni federali, approvando questo discutibile regalo all’UE. Un grossolano tentativo d’ingannare gli elettori, ma che purtroppo l’UDC è stata la sola a denunciare.

La decisione della CPE-CN di oggi (12.11.2019) conferma i peggiori timori: appena tre settimane dopo le elezioni, il PLR e il PPD approvano questo progetto.

Il denaro dei contribuenti svizzeri deve andare a beneficio degli abitanti della Svizzera
Questo versamento all’UE figura nell’ordine del giorno della prossima sessione parlamentare invernale. L’UDC vi si opporrà con determinazione in particolare per due ragioni: primo, questo denaro destinato ai paesi dell’est europeo sparirà nella rete della corruzione e in apparati statali inefficaci; secondo, questo versamento permette a questi paesi di stendere il tappeto rosso a delle imprese svizzere attirate da oneri salariali nettamente più bassi. In altre parole, questo regalo minaccia innumerevoli impieghi in Svizzera.

Di fronte a questo sperpero di denaro pubblico, l’UDC invita la Confederazione a fermare i versamenti miliardari all’UE. Il denaro dei contribuenti svizzeri deve essere investito in Svizzera e andare a beneficio degli abitanti di questo paese, per esempio consolidando l’AVS.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.12.2019
Gli abitanti delle regioni di frontiera soffrono della brutale criminalità che penetra quasi quotidianamente in Svizzera attraverso... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.11.2019
Riunito oggi (01.11.2019) a Glattfelden (ZH), il comitato di UDC Svizzera ha deciso di sostenere un eventuale... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.10.2019
La Commissione delle istituzioni politiche (CIP) del Consiglio nazionale ha esaminato oggi (11.10.2019) l’iniziativa popolare federale “SÌ... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più pluralità, meno Stato.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo