Comunicato stampa

Consultazione-alibi per i Cantoni: il Consiglio federale innalza cortine fumogene invece di presentare i prossimi passi vincolanti verso le riaperture sulla base di dati concreti.

  • Il Consiglio federale continua a rifiutarsi di presentare una prospettiva vincolante per le aperture
  • Il Consiglio federale invia un ulteriore consultazione-alibi ai Cantoni: senza specificare alcuna data di apertura e senza fornire alcun dato concreto per le sue decisioni.
  • I ristoratori continuano ad essere tenuti all’oscuro
  • La politica arbitraria del Consiglio federale rischia di ottenere l’effetto opposto, ossia l’aumento del numero dei contagi.

Il Consiglio federale dichiara che ulteriori misure di apertura saranno prese dal 22 marzo “se la situazione epidemiologica lo permette”. Ma non menziona alcun dato concreto sul quale basare le sue prossime decisioni. In altre parole, il Consiglio federale tiene aperte tutte le porte. Come possono i Cantoni prendere posizione senza date di apertura o dati concreti sui quali basare tali decisioni? Ancora una volta, abbiamo a che fare con una consultazione-alibi.

Il Consiglio federale continua a non dare nessuna prospettiva e nessun piano di apertura. Una possibile riapertura dei ristoranti non è nemmeno menzionata. Nemmeno una parola in merito all’obbligo di home office.

Le misure e le decisioni prese restano arbitrarie

Le misure del Consiglio federale restano arbitrarie e incomprensibili. Sono permessi incontri privati al chiuso con 10 persone senza concetti di protezione, ma i ristoranti che dispongono di concetti di protezione devono restare chiusi. In questo modo, il Consiglio federale continua a perdere credibilità tra i cittadini che inizieranno a non rispettare nemmeno le misure più ragionevoli. Con questo modo di procedere, il Consiglio federale rischia di ottenere l’esatto contrario rispetto all’obiettivo prefissato: ossia l’aumento dei contagi. A pagare tutto ciò saranno nuovamente i cittadini e le imprese a causa delle prossime imminenti restrizioni.

Il concetto di test presentato resta tuttora irrealistico, mentre i quesiti sui test “fai da te” (ammissione, dati statistici e viaggi) non hanno ancora una risposta.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
11.08.2022, di Marco Chiesa
In questi giorni, chiunque legga i media noterà tre cose: 1. I giornalisti di sinistra sono particolarmente... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo