Comunicato stampa

Crisi energetica: la Svizzera necessita di un Generale per l’energia

La strategia energetica 2050 è fallita. I principali rappresentanti dell’economia, della Confederazione e della comunità scientifica sono d’accordo: una penuria di elettricità è la più grande minaccia per il nostro paese e, secondo la Confederazione, diventerà realtà già tra due o tre anni, con conseguenze catastrofiche per la popolazione svizzera.

Per evitare la prevedibile catastrofe, l’UDC Svizzera, in occasione della sua tradizionale conferenza a Bad Horn (TG), chiede al Consiglio federale di

  • nominare immediatamente un Generale per l’energia con il mandato di elaborare soluzioni alternative per un approvvigionamento elettrico sicuro, indipendente ed economico entro l’estate del 2022;
  • posticipare gli obiettivi di riduzione di CO2 a favore di un approvvigionamento energetico domestico sicuro;
  • di ritenere responsabili i cantoni e le città le cui politiche energetiche irresponsabili mettono in pericolo la sicurezza dell’approvvigionamento energetico.

La tradizionale conferenza dei quadri dell’UDC Svizzera del 7 e 8 gennaio a Bad Horn (TG), è stata dedicata alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico della Svizzera, soprattutto per quanto riguarda l’energia elettrica. All’incontro hanno partecipato il presidente del partito Marco Chiesa, il Capogruppo alle Camere federali Thomas Aeschi, la Comitato direttivo del partito, il Consigliere federale Guy Parmelin, l’ex Consigliere federale Christoph Blocher e numerosi membri del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati nonché i rappresentanti dei partiti cantonali.

Tra i relatori c’erano esperti rinomati come la dottoressa Michaela Schärer, direttrice dell’Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP), che ha delineato i rischi più urgenti per il nostro paese nella sua presentazione “Analisi dei rischi per la Svizzera 2020 – valutazione dei pericoli, in particolare lo scenario di un blackout”. Nella presentazione “Quanto siamo preparati alle crisi? Quali cambiamenti sono necessari?”, Werner Meier, delegato del governo federale per l’approvvigionamento economico nazionale, ha mostrato dove c’è un urgente bisogno di agire. Hans E. Schweickardt, ex CEO di EOS Holding e presidente di Swiss Electric, ha dato una valutazione del pericolo della carenza di elettricità e di ciò che deve essere fatto ora. Il vice cancelliere André Simonazzi ha parlato delle lezioni apprese dalla crisi pandemica.

È stato nuovamente ribadito: tra due o tre anni, se non prima, la Svizzera non avrà sufficiente elettricità, soprattutto nei mesi invernali. Questo porterà alla catastrofe che l’UDC ha annunciato da tempo.  Una carenza di elettricità avrebbe conseguenze esistenzialmente minacciose per le persone, i posti di lavoro e la prosperità e avrebbe effetti molto più drastici sul nostro paese dell’attuale crisi pandemica. Una penuria di energia elettrica colperebbe duramente tutti in Svizzera. Senza elettricità, l’intera quotidianità crollerebbe. Il cibo e gli altri prodotti di uso quotidiano scarseggerebbero, la reperibilità di denaro non sarebbe più garantita, il riscaldamento, la cucina, la doccia e molto altro non sarebbero più utilizzabili o lo sarebbero solo in misura limitata. L’assistenza sanitaria, i trasporti e molto altro si fermerebbero.

Le principali conclusioni della conferenza sono le seguenti:

  1. la strategia energetica 2050 è fallita. La Svizzera sta scivolando verso una prevedibile catastrofe.
  2. l’energia elettrica è assolutamente fondamentale per la Svizzera. Tuttavia, non c’è un concetto realistico e nessuna persona responsabile che garantisca e assicuri l’approvvigionamento.

L’UDC chiede quindi al Consiglio federale di:

  • nominare immediatamente un Generale per l’energia e di incaricarlo di elaborare soluzioni per un approvvigionamento elettrico sicuro, indipendente ed economico entro l’estate del 2022.
  • posticipare gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 a favore di un approvvigionamento energetico domestico sicuro.
  • di rendere responsabili i Cantoni e le Città che perseguono politiche energetiche irresponsabili. Concretamente, il razionamento dell’elettricità dovrebbe colpire in primo luogo cantoni come Zurigo e Basilea Città, le cui politiche energetiche, come il divieto dei sistemi di riscaldamento a olio, alimentano ulteriormente il verificarsi di una penuria.

Contro il grande pericolo di una penuria elettrica o addirittura di un blackout prolungato, è necessario agire ora. L’UDC Svizzera si rivolgerà quindi agli altri partiti borghesi per unire le forze e convincere il Consiglio federale a nominare un Generale per l’energia al fine di garantire l’approvvigionamento energetico del nostro Paese.

Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Diana Gutjahr
Il 13 febbraio 2022, voteremo sull'abolizione della tassa sulle emissioni (Tassa di bollo). Gli oppositori parlano di... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Marco Chiesa
La Svizzera rischia di rimanere senza elettricità già nel 2024 - con conseguenze catastrofiche per tutti gli... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Mike Egger
Il 13 febbraio 2022, il Popolo svizzero si pronuncerà sull'iniziativa "Sì alla protezione dei bambini e dei... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo