Comunicato stampa

Decisione democratica sul Patto per le migrazioni, grazie all’UDC

Le pressioni dell’UDC hanno avuto effetto: dopo il Consiglio degli Stati, anche il Consiglio nazionale ha deciso che il Patto dell’ONU per le migrazioni debba essere sottoposto al Parlamento federale. Il Consiglio federale dovrà quindi presentare alle camere legislative una proposta d’adesione nella forma di decreto federale, in modo che il popolo possa eventualmente pronunciarsi su questo documento pericoloso per la Svizzera.

Tenuto conto della forte resistenza suscitata dal Patto per le migrazioni, l’approvazione senz’altra forma di procedura di questo accordo da parte del Consiglio federale sarebbe un vero e proprio affronto. Benché si tratti di una “soft law”, dunque di un regolamento non vincolante giuridicamente, questo patto è estremamente problematico. Questa convenzione dell’ONU vuole, per esempio, estendere la qualità di rifugiato alle persone che fuggono dal loro paese per motivi climatici, e prevede inoltre dei programmi di reinsediamento di intere popolazioni. Queste nuove norme provocherebbero uno sconvolgimento della politica d’asilo svizzera, senza alcuna legittimità democratica.

Il Consiglio federale giustifica ingenuamente il suo sostegno a questo Patto per le migrazioni, argomentando che questo accordo faciliterebbe il rinvio dei rifugiati nel loro paese d’origine. Evidentemente prende i suoi sogni per delle realtà. Prova ne sia, per esempio, che l’Eritrea, principale paese d’origine dei richiedenti l’asilo che affluiscono in Svizzera, ha rifiutato di firmare il Patto per le migrazioni.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.07.2019
Il Consiglio federale ha presentato oggi (03.07.2019) le sue proposte per la riforma dell’AVS. L’UDC accoglie favorevolmente... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2019
Secondo una comunicazione del SECO, il saldo migratorio con l’entrata in Svizzera di 31'200 cittadini UE/AELS durante... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.06.2019
La Commissione UE non ha apparentemente intenzione di prolungare l’equivalenza borsistica. Essa aumenta la pressione sulla Svizzera... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo