Comunicato stampa

Del tutto incomprensibile: il Consiglio degli Stati dice NO all’abbassamento delle tasse sul carburante! Ora più che mai: sostieni la lotta dell’UDC per abbassare i prezzi della benzina!

I prezzi del carburante stanno esplodendo. Le famiglie, il ceto medio e le imprese ne risentono. Il 13 giugno al Consiglio degli Stati e il 16 giugno al Consiglio Nazionale, l’UDC chiede un pacchetto di sgravi per ridurre le tasse sulla benzina, sul gasolio e sull’olio da riscaldamento, nonché maggiori detrazioni fiscali per i pendolari. Il fatto che il Consiglio degli Stati – in particolare i rappresentanti dei cantoni rurali – abbia respinto il pacchetto di aiuti è un affronto alla popolazione che lavora duramente. I rappresentanti del PPD e del PLR avevano il compito di sostenere la popolazione svizzera insieme all’UDC.

I prezzi di benzina e diesel sono aumentati di circa 50 centesimi da gennaio. Questo comporta costi aggiuntivi per i privati, le famiglie e le imprese. A risentirne sono soprattutto le persone delle regioni rurali che dipendono dall’auto. Ma anche il resto della popolazione sta risentendo della perdita di potere d’acquisto. Questo perché i prezzi elevati del carburante portano anche all’aumento dei prezzi al consumo. Il risultato è che le persone che lavorano duramente nel nostro Paese si ritrovano con sempre meno soldi nel portafoglio. È particolarmente scioccante che il Governo federale tragga profitto dall’aumento vertiginoso dei prezzi attraverso le tasse e le imposte: più di 90 centesimi per litro di benzina o diesel vanno allo Stato.

I consiglieri agli Stati dell’UDC si battono per ottenere aiuti per le famiglie, il ceto medio, le aziende e l’industria.

Italia, Francia e Germania hanno abbassato i prezzi del carburante. Il 13 giugno al Consiglio degli Stati e il 16 giugno al Consiglio Nazionale, l’UDC si batte per ottenere sgravi per le famiglie, il ceto medio e le imprese con un pacchetto di proposte.

“Circostanze straordinarie richiedono misure straordinarie”, afferma il Consigliere agli Stati e Presidente del partito Marco Chiesa (TI, mozioni 22.3244 und 22.3356).

“Una riduzione temporanea delle imposte sugli oli minerali in Svizzera è giustificata”. Il Consigliere agli Stati Werner Salzmann (BE) chiede maggiori detrazioni fiscali per i pendolari che si affidano all’auto. In particolare, la detrazione delle spese professionali per questi viaggi dovrebbe essere aumentata di 6000 franchi (mozione 22.3228). “Con questo adeguamento proporzionale, la classe media può essere sollevata”. Il membro del Consiglio degli Stati Hansjörg Knecht (AG) fa riferimento alla parità di trattamento dei trasporti pubblici e privati in tempi di crisi (mozione 22.3243): “Durante la crisi di Covid, il governo federale e i cantoni si sono fatti carico di tutte le carenze del trasporto pubblico. È quindi opportuno e necessario che anche le persone che si affidano ai mezzi di trasporto a motore siano sollevate dalle conseguenze del conflitto in Ucraina”.

Il Consiglio degli Stati ignora il Popolo
I consiglieri agli Stati degli altri partiti hanno respinto il pacchetto di aiuti dell’UDC. I rappresentanti del PPD e dell’PLR avevano il compito di sostenere la popolazione svizzera insieme all’UDC. Il rifiuto dei rappresentanti dei Cantoni rurali è particolarmente incomprensibile. Soprattutto perché gli sgravi andrebbero a beneficio soprattutto della loro popolazione, che dipende dall’automobile.

Possiamo solo sperare che il Consiglio Nazionale, che deciderà sul pacchetto di aiuti dell’UDC il 16 giugno, agisca nell’interesse del Popolo svizzero.

Ora più che mai: sostieni la lotta dell’UDC per abbassare i prezzi di benzina e diesel qui!

Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas Aeschi
Negli ultimi anni, molti soldi dei contribuenti sono confluiti all'estero perché il recupero dell'imposta preventiva in Svizzera... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.06.2022
Successo dell'UDC: il Consiglio federale aumenta le deduzioni concesse per i premi dell'assicurazione malattia. In questo modo... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.06.2022
Il PS e il centro sostengono di voler alleggerire gli oneri che gravano sulle famiglie e sul... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo