Comunicato stampa

Economiesuisse svende i valori fondamentali della Svizzera

L’UDC è allibita di fronte al sostegno che l’associazione economiesuisse dà all’accordo istituzionale Svizzera-UE. L’organizzazione mantello dell’economia elvetica è manifestamente pronta a vendere l’anima della Svizzera per realizzare qualche beneficio supplementare.

L’organizzazione mantello economiesuisse ha annunciato oggi (31.01.2019) nell’ambito della sua conferenza stampa annuale, che invita il Consiglio federale a sottoscrivere il progetto di accordo-quadro con l’UE. Questo trattato è importante, afferma questa organizzazione, perché garantisce alle imprese svizzere un “accesso senza discriminazioni al mercato interno europeo”. Una garanzia che, in realtà, non vale nemmeno la carta su cui è scritta.

Innanzitutto, economiesuisse ignora deliberatamente che l’arbitrario rifiuto dell’UE di accordare l’equivalenza alla borsa svizzera, non sarà assolutamente risolto con la firma dell’accordo-quadro. Peggio, sottoscrivendo questo trattato, la Svizzera si consegna, mani e piedi legati, all’arbitraria politica di Bruxelles. Firmando questo accordo, la Svizzera si sottomette alle sanzioni dell’UE, quali sono esplicitamente previste nell’articolo 10, capoverso 6, dell’accordo-quadro e mette il suo destino nelle mani dell’UE.

In secondo luogo, l’UE brandisce in questo accordo non solo la minaccia della clausola ghigliottina, ma addirittura quella di una super-clausola ghigliottina: se la Svizzera dovesse un giorno osare decidere contro la volontà dell’UE, quest’ultima sarà legittimata a rescindere degli accordi bilaterali. Concretamente, l’UE punta una pistola alla tempia degli Svizzeri prima di chiedere la loro opinione.

economiesuisse indebolisce la posizione del Consiglio federale nei negoziati
economiesuisse ha sì, nel frattempo, finito per ammettere che l’accordo istituzionale porrebbe dei problemi alla Svizzera in diversi settori, chiedendo che questi aspetti vengano chiariti. Non si capisce tuttavia perché economiesuisse non critichi i problemi principali dell’accordo-quadro, per esempio la ripresa automatica del diritto UE da parte della Svizzera, cosa che questa organizzazione sembra manifestamente accettare. È d’altronde totalmente ingenuo credere che l’UE accetti nuovi negoziati, quando non si lascia trasparire alcun dubbio circa la volontà di firmare l’accordo in qualsiasi condizione.

Per l’UDC è chiaro che l’atteggiamento di economiesuisse indebolisce la posizione del Consiglio federale nei negoziati. Questa organizzazione non esita a sacrificare dei valori fondamentali come la libertà, la sicurezza e la prosperità della Svizzera per ottenere qualche beneficio supplementare.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.08.2019
La Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-CN) rifiuta di controllare l’immigrazione e vuole mantenere il... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.07.2019
Con la sua sentenza di oggi (26.07.2019), il Tribunale federale costringe le banche svizzere a fornire dei... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
26.07.2019, di Albert Rösti
Il 25 luglio 2019 è il 79° anniversario del famoso Rapporto del Grütli. In quell’anno 1940 –... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo