Comunicato stampa

Effetti di un’errata politica: 1,9 miliardi sperperati in ingorghi stradali

Le perdite economiche provocate dal crescente numero di ingorghi sulle strade svizzere hanno raggiunto 1, 9 miliardi di franchi nel 2015, secondo le stime della Confederazione. Nel 2017, il numero di ore d’attesa negli ingorghi è addirittura passato a 26’000. Ecco le conseguenze dell’errata politica dei trasporti voluta dalla sinistra e dal centro che si ostinano a puntare unilateralmente sulla ferrovia, trascurando gravemente la strada. L’UDC chiede che d’ora in avanti sia data l’assoluta priorità alla manutenzione e all’aumento della capacità delle strade, al fine di recuperare l’enorme ritardo accumulato.

Il traffico motorizzato individuale è più che quintuplicato dal 1960 e continuerà a crescere, secondo i pronostici della Confederazione in materia di trasporti. Anche le vetture elettriche e a guida automatizzata hanno bisogno di strade e di parcheggi.

Un milione di persone è immigrato in Svizzera dal 2007. Queste persone utilizzano per forza di cose anche le nostre strade. Oltre a ciò, i bisogni di mobilità della popolazione non cessano di crescere. Nonostante questa evoluzione, l’infrastruttura stradale della Svizzera non è stata per nulla ampliata. I miliardi di franchi spesi per l’infrastruttura stradale sono andati principalmente a beneficio della ferrovia e dei trasporti pubblici in generale. Peggio ancora, se dobbiamo dare credito al DATEC, la manutenzione delle strade nazionali è stata addirittura trascurata dal 20071, il che spiega l’entità dei danni.

Questo modo di procedere è semplicemente irresponsabile. È la conseguenza dell’errata politica dei trasporti voluta dal centrosinistra sotto la guida della consigliera federale PPD Doris Leuthard e dal suo predecessore Moritz Leuenberger.

Ma, invece di spingere finalmente gli investimenti nell’infrastruttura stradale, la Confederazione pensa a delle azioni superficiali come “delle misure per diluire le ore di punta, la flessibilizzazione degli orari di lavoro e d’insegnamento, il lavoro indipendente dal luogo, il lavoro a domicilio e delle video-conferenze” e, beninteso, anche a degli “incentivi finanziari” come dei pedaggi stradali per diminuire gli ingorghi. Questo comportamento dimostra che le autorità federali rifiutano di vedere la realtà dei fatti e continuano il loro bricolage mentre che il traffico stradale sta per subire il completo collasso.

La Berna federale e le autorità politiche farebbero bene a rinviare i progetti ferroviari e del trasporto pubblico previsti nei prossimi anni, liberando qualche miliardo da investire nella manutenzione e nell’aumento della capacità della rete stradale.


1 Progetto del DATEC concernente il pacchetto finanziario Strade nazionali 2020-2023 per l’esercizio, la manutenzione, la pianificazione e i grandi progetti inerenti alla rete delle strade nazionali (17.01.2018).

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
19.05.2022, di Walter Wobmann
Il governo federale sta pianificando una gigantesca raccolta di dati per applicare la sua politica unilaterale e... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
15.03.2022
L'UDC ha fatto pressione con successo per abbassare i prezzi del carburante in Consiglio Nazionale. La Camera... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo