Comunicato stampa

Eliminare finalmente le ingiustizie nell’assicurazione-disoccupazione

Poiché la quota di disoccupati varia fortemente a seconda della nazionalità, è assolutamente ingiusto far pagare gli stessi premi di assicurazione-disoccupazione a tutti i salariati e a tutti i datori di lavoro. Il Gruppo parlamentare UDC s’è pronunciato oggi a favore di un sistema nel quale i premi dei datori di lavoro e dei salariati siano calcolati in funzione del rischio. Esso ha depositato una mozione in questo senso al Consiglio nazionale.

I premi d’assicurazione sono di principio concepiti in funzione del rischio. Una persona che rappresenta un grave rischio per un’assicurazione, deve pagare un premio molto più elevato di un assicurato a basso rischio. Nel settore dell’assicurazione auto, per esempio, va da sé che delle persone originarie dell’ex-Iugoslavia paghino dei premi più elevati che gli Svizzeri, perché provocano più incidenti di quest’ultimi.

Questo principio deve essere applicato anche all’assicurazione-disoccupazione. Qualsiasi altro sistema è ingiusto, perché provoca una ridistribuzione fra gli assicurati, il che è contrario all’idea dell’assicurazione. Non è accettabile che, per esempio, dei salariati danesi, il cui tasso di disoccupazione è solo del 2,1%, paghino dei premi uguali a quelli dei cittadini dell’Est europeo, che sono molto più spesso in disoccupazione.

Sgravio a favore dei salariati svizzeri

Dei premi d’assicurazione-disoccupazione in funzione del rischio sgraverebbero anche sensibilmente l’onere dei premi gravante sulle Svizzere e sugli Svizzeri che registravano un tasso di disoccupazione di solo 1,8% a fine 2019. Presso i Bulgari, questo tasso era del 9,9% e presso i Rumeni del 7,1%. Un adeguamento del sistema avrebbe anche un altro effetto positivo: i datori di lavoro sarebbero meno inclini a far venire ulteriore manodopera straniera a buon mercato dall’UE, ossia dei lavoratori rappresentanti un grave rischio di disoccupazione.
Il Gruppo UDC alle Camere federali ha depositato oggi una mozione richiedente che la legge sull’assicurazione contro la disoccupazione (LADI) sia modificata affinché l’importo dei premi dei salariati e dei datori di lavoro sia adattato al rischio di disoccupazione rappresentato dalla nazionalità (o gruppo di nazionalità) al quale appartiene l’assicurato. Si dovrà pure vegliare a che questa riforma non provochi degli obblighi amministrativi elevati per le imprese a causa della diversità dei rischi.

Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Albert Rösti
L'UDC vuole tutelare il potere d'acquisto con sgravi fiscali mirati nel settore dei premi della cassa malati,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas Aeschi
Negli ultimi anni, molti soldi dei contribuenti sono confluiti all'estero perché il recupero dell'imposta preventiva in Svizzera... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.06.2022
Successo dell'UDC: il Consiglio federale aumenta le deduzioni concesse per i premi dell'assicurazione malattia. In questo modo... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo