Comunicato stampa

Espellere finalmente in modo sistematico gli stranieri criminali

La situazione legale è chiara dall’accettazione dell’iniziativa per l’espulsione: gli stranieri che sono stati condannati definitivamente per un reato figurante sulla lista del Codice penale, devono lasciare la Svizzera. Poiché questa regola deve essere applicata anche ai cittadini UE, l’UDC chiede che ciò sia precisato nel Codice penale. Essa invita tutti i partiti rappresentati nella commissione preparatoria del Consiglio nazionale a sostenere le sue proposte e a far sì che la volontà del popolo sia finalmente applicata.

Il popolo svizzero ha approvato nel 2010 l’iniziativa per l’espulsione in virtù della quale i criminali stranieri devono obbligatoriamente lasciare la Svizzera se sono stati condannati per uno dei reati enumerati negli articoli 66a e seguenti del Codice penale svizzero (CPS).

La giustizia fa manifestamente molta fatica a rispettare questa norma di diritto. Prova ne è l’atteggiamento del tribunale cantonale zurighese che, in agosto del 2017, ha deciso che un cittadino tedesco poteva restare in Svizzera, mentre che avrebbe dovuto essere espulso a seguito della sua condanna per diversi reati figuranti negli art. 66a  e seguenti CPS. Motivo invocato dai giudici zurighesi: l’accordo di libera circolazione delle persone non permette un’espulsione, perché questo individuo non rappresenta un pericolo pubblico ai sensi della giurisprudenza della Corte di giustizia UE. Il Tribunale federale ha sì emesso una sentenza definitiva in questa materia ma, non trattandosi di una sentenza di riferimento, la domanda a sapere se la Costituzione federale sia prioritaria rispetto all’accordo di libera circolazione delle persone, rimane aperta.

Evidentemente, i giudici svizzeri hanno bisogno di direttive chiare e nette per rispettare il diritto svizzero. L’UDC ha perciò depositato un’iniziativa parlamentare richiedente che le norme degli articoli 66a e seguenti CPS siano completati in modo che la misura d’espulsione si applichi anche ai criminali originari dell’UE. In una seconda iniziativa parlamentare, l’UDC chiede inoltre la soppressione della cosiddetta clausola di rigore che il Parlamento ha ritenuto opportuno aggiungere al CPS. Se le cifre pubblicate l’estate scorsa dalla Confederazione sono più o meno esatte, succede che i tribunali s’appellano in più di un terzo dei casi alla clausola di rigore per evitare l’espulsione. Ma questa clausola era stata prevista per dei casi assolutamente eccezionali, cosa che non è manifestamente il caso nella prassi giudiziaria attuale.

La Commissione delle istituzioni politiche sta esaminando le due proposte durante la sua attuale sessione. L’UDC s’attende dagli altri partiti che mantengano la parola data prima della votazione sull’iniziativa per l’autodeterminazione e che rispettino la democrazia diretta, dunque la volontà del popolo.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.05.2020
Il numero di persone entrate illegalmente in Svizzera è fortemente calato grazie all’intensificazione dei controlli alle frontiere... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
18.05.2020
La Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (CPS-CN) esamina oggi un progetto di legge che... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
15.05.2020
È urgente rivedere il Codice di procedura penale svizzero. L’attuale legge protegge i delinquenti a tal punto... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo