Comunicato stampa

Fake News alla radio svizzero-tedesca SRF – reclamo inoltrato

Il Comitato apartitico contro la legge sull’energia e l’UDC hanno inoltrato un reclamo presso il mediatore SSR contro una trasmissione della radio svizzero-tedesca SRF. Delle false informazioni sono state date durante la trasmissione del mattino “Heute Morgen” del 2 maggio 2017 inerente alla futura votazione popolare sulla legge sull’energia. Le cittadine e i cittadini sono stati ingannati sulle conseguenze finanziarie della svolta energetica.

La radio svizzero-tedesca SRF ha diffuso il 2 maggio 2017 una trasmissione unilaterale e ambigua in vista della votazione popolare sulla legge sull’energia. Gli autori di questa trasmissione hanno in particolare affermato che i costi della svolta energetica non possono essere quantificati esattamente, ma che la dichiarazione degli oppositori alla legge sull’energia, secondo i quali la svolta energetica costa 3’200 franchi l’anno per famiglia di quattro persone, è certamente falsa.

Gli autori della trasmissione hanno inoltre preteso che il Parlamento avrebbe già “affossato” il progetto di articolo costituzionale per un sistema d’incentivazione in materia di clima e di energia (SICE) che, secondo il messaggio governativo, causa un aumento delle tasse sull’elettricità (+3 ct/KWh) sull’olio da riscaldamento (+67 ct/litro) e sulla benzina (+26 ct/litro). Anche questo è falso. Il progetto è tuttora all’esame del Parlamento e il plenum del Consiglio degli Stati non l’ha ancora discusso. La Camera alta aprirà questo dossier solo dopo la votazione. Il Consiglio nazionale ha sì rifiutato, giusto prima della votazione popolare, di entrare in materia su questo progetto, ma questo non è stato per nulla “affossato” dal Parlamento. È tuttora pendente. 

Partendo da queste affermazioni, la radio svizzero-tedesca ha preteso che solo le cifre degli avversari del progetto erano false e che la svolta energetica non costerebbe che fra i 40 e i 100 franchi. Si tratta ancora di una dichiarazione falsa, perché è lo stesso Consiglio federale che ha quantificato il costo della strategia energetica a 211 miliardi di franchi (comunicato dell’Ufficio federale dell’energia inerente all’adozione del messaggio sulla strategia energetica del 4 marzo 2013). Se si estrapola questo importo su una famiglia di quattro persone, si ottengono circa 3’200 franchi l’anno. 

La trasmissione della radio svizzero-tedesca SRF viola chiaramente il principio dell’obiettività stabilito dalla legge sulla radiotelevisione. Si tratta chiaramente di un servizio di parte, che non è ammissibile in vista di una votazione popolare. Il Comitato contro la nuova legge sull’energia e l’UDC non accettano la diffusione di false notizie da una radio di Stato finanziata con dei prelievi obbligatori. E ha cosi deciso di inoltrare un reclamo al mediatore SSR.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.04.2019
Nonostante che il popolo abbia chiaramente approvato l’impiego di investigatori da parte delle assicurazioni sociali, il consigliere... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Guy Parmelin
È la prima volta che ho l’occasione di rivolgermi a voi quale svizzero ministro dell’economia. Sono molto... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Magdalena Martullo-Blocher
L’accordo-quadro istituzionale è tutto salvo che tagliato su misura. Non una sola volta, i sarti dell’UE, hanno... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo