Comunicato stampa

Fermare l’immigrazione illegale rinforzando il controllo alle frontiere

Il numero di persone entrate illegalmente in Svizzera è fortemente calato grazie all’intensificazione dei controlli alle frontiere per combattere la propagazione del coronavirus. L’UDC chiede che questo dispositivo sia mantenuto al fine di arginare l’immigrazione clandestina.

I controlli e restrizioni d’accesso imposti alle frontiere a causa del Covid-19 hanno provocato un forte calo delle entrate e dei soggiorni illegali in Svizzera. Dall’introduzione di queste misure, il numero di soggiorni illegali constatati dalle autorità è regredito fra il 55 e l’80%.

Sono anni che la Svizzera è sommersa da persone entranti illegalmente nel paese. Attualmente, si stima che più di 100’000 individui vivano clandestinamente nel nostro paese. Ma le cifre più recenti provano l’efficacia dei controlli rigorosi effettuati dalle guardie di confine con il sostegno dell’esercito: lo scorso aprile, si sono contate 217 entrate clandestine contro le 1116 dello stesso periodo dell’anno precedente. Nel mese di marzo 2020 se ne contavano ancora 517. Dieci casi di presunte attività di passatori sono stati registrati in aprile, contro le 31 del mese precedente. Secondo le indicazioni dell’Amministrazione federale delle dogane (AFD), le azioni delle bande di passatori sono diminuite del 67% rispetto allo stesso periodo del 2019. Dall’inizio 2020, il numero di soggiorni clandestini rilevati ha raggiunto le 2830 unità contro le 4598 registrate fra gennaio e aprile 2019.

Votando il 27 settembre prossimo sull’iniziativa per la limitazione, il popolo svizzero potrà fare la sua scelta alla luce delle esperienze fatte con la crisi del Covid-19, quindi decidere che la Svizzera gestisca di nuovo lei stesa l’immigrazione sul suo territorio affinché le Svizzere e gli Svizzeri non si sentano stranieri nel loro paese e impediscano agli immigranti di saccheggiare le loro istituzioni sociali.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.05.2022
L'UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.05.2022
Oltre il 41% degli stranieri condannati ha il permesso di rimanere in Svizzera, anche se la Costituzione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
12.05.2022, di Gregor Rutz
In tempi di crisi, la resistenza e il funzionamento di un ordine statale diventano evidenti. Se la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo