Comunicato stampa

Finalmente – Il Consiglio Federale si ispira alla strategia Covid-19 dell’UDC

È positivo che la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale abbia accolto almeno alcune delle richieste dell’UDC e che stia tornando sui suoi passi nella gestione della pandemia:

– i viaggiatori provenienti da zone a rischio devono presentare i risultati del test PCR;

– cambia la strategia dei test all’interno delle strutture ospedaliere e sociosanitarie. Verranno fatti più test, soprattutto sul personale di cura;

– le scuole restanoaperte e assicurando che l’insegnamento in classe sia garantito almeno al livello primario.

L’UDC è l’unico partito ad aver già presentato una chiara strategia di controllo del virus alla fine di marzo 2020. Centrale è la protezione della salute delle persone, in particolare di quelle a rischio, e allo stesso tempo contenere al massimo i danni economici e sociali.

Per quanto sia da accogliere con favore il fatto che il responsabile della sanità svizzera Alain Berset voglia finalmente rafforzare i controlli alle frontiere e proteggere le persone nelle case di riposo e di cura, è sconcertante la sua ostinazione nel voler mantenere l’attuale lockdown. Le conseguenze di tale confinamento sono devastanti per il nostro paese. La gestione della pandemia da parte del Consigliere federale Berset distrugge migliaia di posti di lavoro e costa ai contribuenti svizzeri 6 milioni di franchi all’ora – cioè 144 milioni di franchi ogni giorno. Ben inteso, queste cifre si riferiscono “solo” alla spesa pubblica. Non sono ancora inclusi i danni economici, che si aggirano sui miliardi.

Invece di porre fine al confinamento e permettere ai cittadini di tornare a lavorare, la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale preferisce iniettare altri 8,5 miliardi di franchi per i casi di rigore e il finanziamento dell’assicurazione contro la disoccupazione. Tutto ciò nonostante vi sia una netta diminuzione in tutti gli indicatori chiave relativi al virus Covid-19.

La pessima gestione della pandemia sta facendo sì che la montagna di debiti continui a crescere. Secondo le stime degli esperti, il debito pubblico della Svizzera passerà da 93,7 miliardi di franchi (alla fine del 2019) a ben 130 miliardi, avvicinandosi al livello massimo raggiunto nel 2005. In meno di due anni, verrebbe completamente cancellata la riduzione del debito attuata negli ultimi 15 anni. È prevedibile che la popolazione attiva e il ceto medio, saranno chiamati alla casa a causa di questa politica fallimentare con aumenti di tasse e imposte.

Pertanto, l’UDC chiede espressamente che:

  • i negozi e i ristoranti, con i loro esemplari concetti di protezione, siano autorizzati a riaprire con effetto immediato;
  • l’approvvigionamento di sufficienti dosi di vaccino deve essere assicurato immediatamente e la vaccinazione della popolazione deve essere accelerata.
Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
04.05.2020
Con l’apertura oggi della sessione parlamentare straordinaria, il Consiglio federale deve abrogare il diritto d’urgenza. Parallelamente, deve,... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.04.2020
La Commissione della sicurezza sociale del Consiglio nazionale (CSSS-CN) esaminerà domani, martedì, la creazione di una prestazione... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
19.04.2020
La pandemia del coronavirus fa aumentare la povertà in Svizzera. L’isolamento spinge migliaia di persone sull’orlo della... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo