Comunicato stampa

Finalmente saranno rafforzati i controlli alle frontiere

L’UDC accoglie con favore il fatto che il Consiglio federale stia finalmente rafforzando i controlli alle frontiere del Paese. Le persone non guarite e non vaccinate sono ora testate sia prima che dopo l’ingresso in Svizzera. Tuttavia, l’UDC continua a criticare l’estensione del requisito del certificato covid e chiede che il Governo federale paghi per i test, finché il certificato sarà in vigore.

Dal 31 marzo 2020, cioè da quasi 18 mesi, l’UDC chiede requisiti d’ingresso più severi per limitare la diffusione della pandemia di Covid-19 in Svizzera. Ora il Consiglio federale ha ceduto in una certa misura, a causa della pressione dell’UDC, e i controlli alle frontiere nazionali verranno finalmente rafforzati. I non guariti e i non vaccinati dovranno presentare un test negativo quando entrano in Svizzera. L’UDC accoglie con favore la decisione del Consiglio federale secondo cui coloro che entrano nel Paese e sono risultati negativi debbano inoltrare un altro risultato del test tra il quarto e il settimo giorno dopo l’ingresso. Dal punto di vista di una lotta efficace contro la pandemia, tuttavia, è insostenibile che i quasi ‪350.000‬ frontalieri siano esentati dall’obbligo di effettuare il test. In particolare, i datori di lavoro che impiegano tali lavoratori dovrebbero essere chiamati ad assumersi le proprie responsabilità.

L’UDC continua a criticare l’estensione del requisito del certificato e non comprende il fatto che il Coniglio federale si attenga al suo approccio di lasciare che i cittadini stessi paghino per i test Covid dal 1 ° ottobre. Essa ritiene fondamentale che il Governo federale continui a sostenere i costi dei test finché si applicherà in modo esteso l’obbligo del certificato.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.05.2022
L'UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.05.2022
Oltre il 41% degli stranieri condannati ha il permesso di rimanere in Svizzera, anche se la Costituzione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
12.05.2022, di Gregor Rutz
In tempi di crisi, la resistenza e il funzionamento di un ordine statale diventano evidenti. Se la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo