Comunicato stampa

Gruppo parlamentare UDC: Finalmente un’attuazione più rigorosa dell’iniziativa per l’espulsione dei criminali stranieri

Nella sua seconda riunione preparatoria per la sessione estiva del 2021, il gruppo parlamentare dell’UDC ha adottato le seguenti risoluzioni:

L’iniziativa per l’espulsione dei criminali stranieri adottata dal popolo e dai cantoni nel 2010 viene attualmente attuata solo a metà. Per questo motivo, il gruppo UDC appoggia all’unanimità la mozione “Espulsioni in caso di condanna anche per crimini minori ben definiti ” della Commissione delle Istituzioni politiche del Consiglio nazionale. La mozione mira a migliorare l’attuazione dell’espulsione obbligatoria. Ora, non solo i tribunali ma anche i pubblici ministeri dovrebbero essere in grado di ordinare l’espulsione in caso di crimini minori ben definiti. La mozione chiede anche che la raccolta dei dati sulle espulsioni e l’applicazione della clausola di rigore siano finalmente armonizzati tra la Confederazione e i cantoni.

Il gruppo UDC respinge le mozioni 21.3459 e 21.3460 della Commissione dei Trasporti. La mozione 21.3459 chiede un sostegno finanziario per il trasporto pubblico nel 2021 in relazione alla crisi di Corona. Oltre al trasporto locale e al trasporto turistico, anche il trasporto a lunga distanza dovrebbe ora beneficiare del denaro dei contribuenti. Dal punto di vista dell’UDC, questa sarebbe una violazione di un tabù, poiché il trasporto a lunga distanza dovrebbe autofinanziarsi e non essere sostenuto dallo Stato. Inoltre, il trasporto locale è responsabilità di coloro che ordinano i servizi – cantoni e comuni. Il sostegno finanziario della Confederazione creerebbe falsi incentivi, perché non ci sarebbe più bisogno per i cantoni e i comuni di ridurre i servizi in caso di crisi. L’UDC ritiene che anche il sostegno al trasporto merci richiesto nella mozione 21.3460 non sia necessario. In primo luogo, perché il traffico merci si sta riprendendo e ha già raggiunto di nuovo i livelli pre-Covid-19. In secondo luogo, perché questo porterebbe a trasferire il deficit del trasporto merci alla Confederazione.

Dal punto di vista del gruppo UDC, i conti dello stato 2020 dovrebbero essere approvati a causa della situazione speciale. A causa della pandemia, infatti, la Confederazione chiude i conti con un deficit record di 15,8 miliardi di franchi. Tuttavia, per quanto riguarda i crediti supplementari, il gruppo dell’UDC chiede la soppressione del contributo federale di 64 milioni di franchi per il finanziamento dell’avvio di test ripetitivi all’attenzione dei Cantoni. Finora, la Confederazione ha sostenuto l’onere principale dei costi della pandemia. Anche i cantoni dovrebbero dare il loro contributo – tanto più che la maggior parte di essi ha registrato deficit o addirittura eccedenze relativamente minori.

Il gruppo parlamentare dell’UDC critica, inoltre, il Consiglio federale per aver voluto ancora una volta regalare centinaia di milioni di franchi fiscali all’estero. In particolare, il Consiglio federale intende sostenere l’iniziativa globale “Access to Covid-19 Tools Accelerator” (ACT-A) con 300 milioni di franchi. Questo nonostante il fatto che la Svizzera stia già sostenendo la lotta internazionale contro la pandemia con contributi finanziari e prestiti senza interessi per 343 milioni di franchi – oltre al normale budget per l’aiuto umanitario e l’aiuto allo sviluppo. Secondo il gruppo UDC, il credito supplementare di 300 milioni di franchi dovrebbe essere respinto o almeno compensato nel bilancio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.04.2021
La posizione risoluta del presidente Guy Parmelin a Bruxelles non deve oscurare il fatto che la maggioranza... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.01.2021
È positivo che la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale abbia accolto almeno alcune delle richieste dell'UDC... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo