Comunicato stampa

Giornata nera per la democrazia diretta

Sono esattamente 3 anni che il popolo e i catoni svizzeri hanno approvato l’iniziativa contro l’immigrazione di massa. Il sovrano ha così dato al Consiglio federale e al Parlamento un mandato chiaro: la Svizzera deve riprendere il controllo autonomo dell’immigrazione nel suo territorio, imponendo dei tetti massimi e dei contingenti. Sempre secondo l’articolo costituzionale approvato da popolo e cantoni, i trattati di diritto pubblico contrari a questo principio dovevano essere rinegoziati entro tre anni e adeguati. In caso di non-applicazione della decisione popolare del 9 febbraio 2014, il Consiglio federale doveva metterla in atto per via di ordinanza. L’UDC constata oggi che la maggioranza del Consiglio federale e del Parlamento ignora deliberatamente la decisione del popolo, rimettendo così in questione le fondamenta del nostro regime politico basato sulla democrazia diretta. 

Il Consiglio federale aveva il dovere di rinegoziare l’accordo di libera circolazione delle persone con l’UE, eventualmente di rescinderlo entro oggi. Inoltre, sarebbe dovuto essere obbligato a gestire l’immigrazione per mezzo di contingenti come in passato. Il governo ha invece adottato, con la complicità del Parlamento, una legge-alibi e tenta oggi, per mezzo dei suoi controprogetti all’iniziativa RASA, di elevare a diritto costituzionale questa legge che viola proprio la Costituzione. La situazione è così chiara: un’élite arrogante e presuntuosa composta dalla maggioranza del Consiglio federale e del Parlamento, aiutata da dei giudici e degli alti funzionari, fa tutto ciò che è in suo potere per impedire che il popolo svizzero possa decidere sull’immigrazione nel proprio paese. Si tratta di un attacco frontale contro la democrazia diretta e contro la libertà del nostro paese, allo scopo d’integrare il più possibile la Svizzera in un’UE traballante. Come per tanti altri paesi europei, i prossimi anni saranno decisivi per la Svizzera, per la sua autodeterminazione quale nazione libera. L’UDC si lancia con determinazione in questa battaglia. Essa rivelerà quest’estate come il principio della libera circolazione delle persone può essere abbandonato una volta per tutte, per offrire alla Svizzera un futuro nella prosperità, nella libertà e nell’autodeterminazione. Non è la prima volta che, nella storia della Svizzera, il popolo deve imporsi di fronte a una maggioranza governativa e parlamentare che non ha più il coraggio di difendere la libertà del paese.

Altro su questo tema
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Magdalena Martullo-Blocher
L’accordo-quadro istituzionale è tutto salvo che tagliato su misura. Non una sola volta, i sarti dell’UE, hanno... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019
Ancora una volta sentiamo le messe in guardia o, più esattamente, le minacce dei grandi gruppi industriali... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Jean-François Rime
La direttiva UE sulle armi (direttiva 91/477/CEE sul controllo, l’acquisizione e la proprietà di armi) è stata... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo