Comunicato stampa

Debito Covid: Giù le mani dal freno all’indebitamento!

L’UDC respinge risolutamente l’irresponsabile politica finanziaria della sinistra e chiede che venga rispettato il collaudato freno all’indebitamento.  Il debito pubblico Covid deve essere ridotto in modo che le generazioni future non ne siano gravate.

Nella sua risposta alla consultazione sulla riduzione del debito pubblico legato alla pandemia, l’UDC respinge risolutamente i propositi di minare il freno all’indebitamento. Dal punto di vista dell’UDC, questi debiti devono essere ridotti dalla stessa generazione che li ha accumulati.

Il freno all’indebitamento è un modello di successo unico che è nato alla fine del 1990 grazie all’UDC. Un ventennio fa il Popolo adottò infatti la legge con un “sì” record dell’84,7 per cento alle urne.

Soprattutto, grazie al freno all’indebitamento, il nostro paese si trova in un’ottima posizione finanziaria: tra il 2005 e il 2019, il debito lordo della Confederazione è stato ridotto da oltre 130 miliardi a poco meno di 97 miliardi di franchi.  Grazie al freno all’indebitamento, la Svizzera può permettersi di gestire l’attuale pandemia da Covid-19! Che la sinistra voglia ripetutamente minare questo modello di successo e perseguire la propria politica del debito a spese dei contribuenti e delle generazioni future è semplicemente irresponsabile.

È necessaria una riduzione delle spese

Per  quanto riguarda il nuovo debito legato alla pandemia, l’unico modo possibile per l’UDC è quello di ridurlo completamente, ad esempio attraverso futuri avanzi finanziari strutturali ed eventuali dividendi aggiuntivi da parte della Banca nazionale svizzera.

Pertanto, è imperativo impostare saldamente una certa parte delle entrate federali per la riduzione del debito fino a quando il debito Covid non sarà completamente rimborsato. Ciò richiede una riduzione delle spese nelle varie voci di bilancio – e questo al più tardi dal 2024, quando il bilancio federale dovrebbe tornare alla piena normalità, secondo le previsioni. Per questo motivo, nell’attuale dibattito sul preventivo della sessione invernale, l’UDC ha chiesto una riduzione delle spese per un totale di circa 683 milioni di franchi. Poiché la maggioranza di centro-sinistra in parlamento si è sottratta a questa responsabilità e ha deciso di trasferire il debito alle generazioni future, l’UDC ha respinto il preventivo 2022.

Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Martin Haab
L'iniziativa popolare "Sì al divieto della sperimentazione animale e umana - Sì ad approcci di ricerca che... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Diana Gutjahr
Il 13 febbraio 2022, voteremo sull'abolizione della tassa sulle emissioni (Tassa di bollo). Gli oppositori parlano di... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Mike Egger
Il 13 febbraio 2022, il Popolo svizzero si pronuncerà sull'iniziativa "Sì alla protezione dei bambini e dei... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più pluralità, meno Stato.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo