Comunicato stampa

Gli altri partiti si rifiutano di sgravare le famiglie, il ceto medio e le imprese – ora più che mai: sostieni la lotta dell’UDC per abbassare i prezzi della benzina!

Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Consiglio Nazionale si rifiuta di abbassare le tasse sulla benzina. Uno schiaffo alle persone che lavorano duramente nel nostro paese. I rappresentanti del PLR e del PPD avrebbero avuto la possibilità di sgravare la popolazione svizzera insieme all’UDC. Gli altri partiti dimostrano chiaramente che non stanno lavorando per il bene dei cittadini. Quindi, ora più che mai: sostieni la lotta della UDC per abbassare i prezzi del carburante!

I prezzi del carburante stanno esplodendo. Le famiglie, il ceto medio e le imprese stanno soffrendo. Si ritrovano con sempre meno soldi che guadagnano con fatica. Soprattutto le persone che vivono nelle regioni rurali e che dipendono dall’auto devono acquistare la loro mobilità a caro prezzo. Ciò che è particolarmente scioccante è che lo Stato trae profitto dai prezzi alle stelle attraverso le tasse e le imposte: oltre 90 centesimi per litro di benzina o diesel vanno al governo federale.

I nostri paesi vicini hanno già abbassato i prezzi della benzina. Solo il Consiglio federale non è intenzionato ad agire. Per questo motivo, in una sessione straordinaria del 13 giugno al Consiglio degli Stati e del 16 giugno al Consiglio Nazionale, l’UDC ha chiesto una riduzione delle tasse su benzina, gasolio e olio da riscaldamento, nonché un aumento delle detrazioni fiscali per i pendolari (un massimo di 6000 franchi anziché 3000 come in precedenza).

“La crisi energetica ce la siamo autoinflitta e ciò che stiamo vivendo oggi è solo un assaggio di ciò che verrà”, afferma il consigliere nazionale Christian Imark (SO). “Il Consiglio federale deve reagire subito”. Il consigliere nazionale Walter Wobmann (SO) afferma che i prezzi elevati del carburante sono particolarmente dolorosi per la popolazione rurale, che notoriamente dipende da auto e moto. “Ma anche tutte le altre persone risentono dela perdita del potere d’acquisto”. Perché i prezzi elevati del carburante causano un aumento dei costi di trasporto, dei costi di produzione e dei prezzi al consumo. “Quello che serve ora è l’azione invece delle belle parole”, ha detto Wobmann. La maggioranza di centro-sinistra in Parlamento e il Consiglio Federale non sono riusciti a garantire un approvvigionamento energetico sicuro e conveniente, afferma la Consigliera Nazionale Monika Rüegger (OW). “Se sei troppo lontano dalla gente comune, chiuso nella tua bolla di stile di vita elitario di sinistra, se non vuoi vedere che gli automobilisti, gli artigiani, i commercianti che vivono in campagna non hanno altra scelta che guidare perché non hanno i soldi per un’auto elettrica né possono prendere il treno, allora almeno non far pagare a caro prezzo a queste persone del ceto medio la tua politica energetica fallimentare”.
“Ora si tratta di agire con decisione”, afferma il consigliere nazionale Benjamin Giezendanner (AG). “Assicuriamo più denaro nei portafogli dei cittadini, liquidità per i commercianti e sosteniamo un buon sviluppo economico a lungo termine”.

Ovviamente, agli altri partiti non interessano le preoccupazioni della popolazione: dopo il Consiglio degli Stati, anche il Consiglio Nazionale ha respinto il pacchetto di aiuti dell’UDC. Il rifiuto dei rappresentanti dei cantoni rurali è del tutto incomprensibile. La responsabilità principale di questa decisione anti-cittadino è del PPD e del PLR: avrebbero dovuto sostenere la popolazione svizzera insieme all’UDC.

Ora più che mai: sostieni la lotta dell’UDC per abbassare i prezzi di benzina e diesel qui!

Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas Aeschi
Negli ultimi anni, molti soldi dei contribuenti sono confluiti all'estero perché il recupero dell'imposta preventiva in Svizzera... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.06.2022
Successo dell'UDC: il Consiglio federale aumenta le deduzioni concesse per i premi dell'assicurazione malattia. In questo modo... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.06.2022
Il PS e il centro sostengono di voler alleggerire gli oneri che gravano sulle famiglie e sul... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo