Comunicato stampa

Grazie alle pressioni dell’UDC, almeno la norma delle due famiglie per riunioni private sarà tolta durante il periodo di Natale

L’UDC respinge categoricamente le misure del Consiglio federale:

– esse sono arbitrarie e danno il colpo di grazia a molti commerci, in particolare alla ristorazione e al commercio al dettaglio;
– è inaccettabile che il Consiglio federale ignori l’avviso della maggior parte dei cantoni. Ginevra non è Appenzello e Berna non è Zurigo: la situazione in termini di Covid-19 non è la stessa dappertutto e i cantoni possono e devono decidere loro stessi fin dove vogliono spingere le misure di protezione;
– il Consiglio federale deve smetterla di agire alla cieca. Deve finalmente presentare dei dati e dei fatti confermati, affinché la pandemia possa essere combattuta con misure mirate;
– per evitare ulteriori danni, il Consiglio federale è invitato ad applicare la strategia che l’UDC ha presentato la scorsa primavera: proteggere i gruppi a rischio e permettere alle aziende di lavorare rispettando le norme di distanza e d’igiene.

Grazie alle pressioni dell’UDC, almeno le regioni sciistiche e gli alberghi potranno rimanere aperti per accogliere i loro ospiti e gli esercizi pubblici potranno aprire anche alla domenica e i giorni festivi. Sono tuttavia i due soli punti positivi del nuovo piano di misure del Consiglio federale. Il nuovo orario di chiusura, ossia le ore 19.00, imposto a ristoranti, bar, negozi, mercati, impianti sportivi e del tempo libero, è insensato e arbitrario. Esso darà il colpo di grazia alla ristorazione e ai commerci al dettaglio. Inoltre, il divieto di vendita la sera e la domenica provocherà una maggiore affluenza e delle resse durante il rimanente periodo d’apertura.

La politica Covid-19 del Consiglio federale è un disastro

Confusa, impotente, senza fondamento solido e in contrasto con la maggioranza dei cantoni: la politica Covid-19 del Consiglio federale, e in particolare del ministro della sanità Alain Berset e della presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, è un disastro. Con questo modo d’agire, il Consiglio federale minaccia la coesione del nostro paese e distrugge intere branche dell’economia. Inoltre, soffoca quasi completamente la vita sociale, con conseguenze disastrose che si possono immaginare per gli abitanti del paese. Non è un caso che si assista, in seno alla popolazione, a una riluttanza vieppiù forte a seguire le misure delle autorità.

Le misure del Consiglio federale non sono comprensibili, perché non si basano su dati e fatti appurati, ma alimentano manifestamente delle supposizioni e delle paure. Nove mesi dopo lo scoppio della pandemia, non si dispone ancora in Svizzera di informazioni affidabili inerenti ai canali di contaminazione. L’UDC invita perciò il Consiglio federale a produrre finalmente delle statistiche fondate e dei dati affidabili.

Il ceto medio passa due volte alla cassa per la politica Covid-19 

È chiaramente più facile chiedere dei ristoranti, degli alberghi e delle ferrovie di montagna, o imporre loro delle misure vessatorie, poi tentare di rimediare ai danni con masse di denaro. L’aumento di 1,5 miliardi di franchi del fondo che finanzia le indennità per i casi di rigore è positivo solo in apparenza. Il ceto medio è in effetti doppiamente penalizzato: da una parte, subisce i danni economici risultanti dalle restrizioni e, dall’altra, subirà degli aumenti d’imposta per pagare il debito di diverse decine di miliardi di franchi che causerà la politica Covid-19 del Consiglio federale.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
12.01.2021
Il referendum contro la legge sulla CO2, sostenuto attivamente dall’UDC, è riuscito grazie a una raccolta firme... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.11.2020
L'UDC sostiene la riduzione di pesticidi, ma respinge l’inclusione della riduzione degli elementi fertilizzanti. Il Consiglio nazionale... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
25.11.2020
Il progetto di riforma della LPP del consigliere federale Alain Berset estende alla casse pensioni la politica... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Media

Più pluralità, meno Stato.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo