Comunicato stampa

Gruppo parlamentare dell’UDC: Stop agli eccessi salariali nelle aziende federali e No alla revisione del codice di procedura penale

Nella sua riunione di oggi, il gruppo UDC alle Camere federali si è espresso all’unanimità:

– a favore della mozione 16.438 “Remunerazione adeguata e stop agli eccessi salariali nelle aziende federali e parastatali”, e

– contro l’attuale revisione del Codice di procedura penale (CPP), ritenuto inadeguato.

I compensi degli alti dirigenti e dei membri dei consigli di amministrazione delle aziende federali e parastatali sono aumentati in modo così massiccio che i CEO di Swisscom e delle FFS guadagnano più di un consigliere federale. Questi stipendi non hanno più alcuna relazione con i compiti e i servizi forniti. Il gruppo UDC sostiene quindi la mozione 16.438, che chiede di porre fine a questi eccessi salariali. Tanto più che gli alti dirigenti di queste aziende beneficiano già di eccellenti benefits a livello pensionistico e di altri vantaggi.

Il gruppo parlamentare dell’UDC segue l’argomentazione della Commissione delle istituzioni politiche (CIP) ed è a favore di una modifica della legge sul personale federale, secondo la quale un tetto massimo di un milione di franchi all’anno dovrebbe essere applicato alle retribuzioni versate ai vertici o ai membri del consiglio d’amministrazione di sette grandi imprese federali. Questo regolamento dovrebbe valere anche per Swisscom. Inoltre, le indennità di buona uscita agli alti dirigenti federali devono essere proibite.

La revisione del codice di procedura penale non porta alcun miglioramento

La revisione del codice di procedura penale (CPP) è assolutamente necessaria, soprattutto perché le autorità di perseguimento penale non possono realmente adempiere al loro mandato con l’attuale CPP. Con l’introduzione dell’attuale codice di procedura penale, la protezione dei criminali è stata massicciamente ampliata, l’investigazione dei reati è diventata più difficile e il carico amministrativo della polizia è aumentato a tal punto che i poliziotti passano sempre più tempo davanti alle loro scrivanie invece di garantire l’ordine e la sicurezza nelle strade.

Dal punto di vista della UDC, l’obiettivo della revisione del codice di procedura penale deve essere quello di ridurre i costi burocratici, di personale e finanziari aggiuntivi e di adattare le norme che sono dirompenti nella pratica e impediscono o ostacolano la lotta al crimine. Poiché l’attuale revisione non porta alcun miglioramento in questo senso, il gruppo UDC ha deciso all’unanimità di respingere il progetto di legge nella sua riunione di oggi.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.05.2022
L'UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.05.2022
Oltre il 41% degli stranieri condannati ha il permesso di rimanere in Svizzera, anche se la Costituzione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
12.05.2022, di Gregor Rutz
In tempi di crisi, la resistenza e il funzionamento di un ordine statale diventano evidenti. Se la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo