Comunicato stampa

Gruppo parlamentare UDC: La pressione dell’UDC contro il regime arbitrario del Consiglio Federale sta funzionando!

La lotta dell’UDC a favore di allentamenti alle attuali restrizioni in vigore sta dando i suoi frutti. La Commissioni della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio Nazionale ha approvato oggi la proposta dell’UDC: I ristoranti e i centri fitness apriranno già dal 22 marzo, e quindi prima della data proposta dalla maggioranza di centro-sinistra in Consiglio federale. Il gruppo parlamentare UDC, nella sua riunione odierna, ha preso atto con soddisfazione della decisione presa dalla Commissione.

Il gruppo ha inoltre deciso all’unanimità di presentare le seguenti importanti iniziative nella sessione parlamentare primaverile:

  • La mozione “Stop al Lockdwon: revocare immediatamente le decisioni relative alla pandemia di Covid-19” sarà presentata al Consiglio degli Stati e al Consiglio Nazionale. Date le gravi conseguenze per l’economia e la società, le misure decise dal Consiglio federale violano il principio di proporzionalità. Poiché misure più blande garantirebbero altrettanto bene la protezione della salute, le misure attualmente in vigore devono essere revocate immediatamente.
  • L’iniziativa parlamentare “Legge sulle epidemie (LEp): garantire la compartecipazione del Parlamento” mira a salvaguardare la partecipazione parlamentare anche in questa situazione particolare. La legge sulle epidemie (LEp) dovrebbe essere modificata in modo che l’Assemblea federale possa valutare e, se necessario, revocare le ordinanze e i decreti generali emessi dal Consiglio federale o dai dipartimenti. Durante la pandemia di Covid-19, tuttora in corso, il Consiglio federale ha ripetutamente ordinato misure per ordinanza contro la volontà del Parlamento.

Il gruppo parlamentare UDC si è anche espresso all’unanimità a favore della possibilità per i ristoranti, in particolare nelle regioni sciistiche, di aprire immediatamente le loro terrazze con l’ausilio di concetti di protezione. Questo ridurrebbe il rischio di infezione, a differenza di ciò che accade ora con il divieto in vigore. Senza una gestione ordinata dei ristoranti, la gente mangia in grandi gruppi ai bordi delle piste e non sono garantiti né la distanza né la tracciabilità dei contatti. In una lettera aperta, il gruppo parlamentare UDC invita il Consigliere federale Alain Berset a visitare i comprensori sciistici e vedere di persona le condizioni problematiche causate dalle sue decisioni.

La decisione della Commissione delle Istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP) di versare una rendita AI ai figli dei rifugiati anche se non vivono nemmeno in Svizzera è fermamente respinta dal gruppo parlamentare dell’UDC. L’abuso è dietro l’angolo. Non è infatti possibile controllare se le informazioni sui figli all’estero siano corrette o meno. Inoltre, la rendita andrebbe versata al rifugiato che risiede in Svizzera, se il denaro raggiunge i bambini non è per nulla garantito. Con questa decisione, la maggioranza di centro-sinistra nella CIP incentiva ulteriormente a chiedere asilo in Svizzera per beneficiare del nostro generoso sistema sociale. E questo in un momento in cui le persone in Svizzera stanno perdendo il loro lavoro o temono per il loro futuro.

Il gruppo UDC rifiuta inoltre il pacchetto di misure a favore dei media. Il processo democratico necessita di pluralità nell’offerta mediatica, che i media siano indipendenti in termini di contenuto e finanziariamente e che riflettano la diversità d’opinione all’interno del nostro Paese. Le sovvenzioni statali creano dipendenze, in particolare nel settore online, dove la responsabilità costituzionale del governo federale è molto controversa. I flussi di fondi statali portano all’allevamento di aziende che non potranno mai stare in piedi da sole economicamente. Il gruppo UDC è anche intenzionato a migliorare le condizioni quadro nel settore dei media in modo che il maggior numero possibile di aziende possa operare con profitto e rifiuta fermamente una concorrenza orientata solo alle sovvenzioni.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.10.2021
Nella sua riunione odierna a Villars-le-Terroir (VD), il Comitato centrale dell’UDC ha deciso di agire contro le... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.10.2021
Solo dal mese di gennaio 2021, 21 donne sono state uccise in Svizzera. Gli autori stranieri provenienti... continua a leggere
Conferenza stampa
Condividi articolo
15.10.2021
Insieme al proprio movimento giovanile, l'UDC ha lanciato oggi la campagna contro l'inasprimento della legge Covid-19. Alla conferenza... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Media

Più pluralità, meno Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo