Comunicato stampa

Il presidente Guy Parmelin ha messo le cose in chiaro a Bruxelles

L’UDC si rallegra della risolutezza del Presidente Guy Parmelin all’incontro odierno con la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e che non abbia segnalato alcuna disponibilità al compromesso. Questo significa che l’accordo istituzionale è definitivamente fallito. L’UDC chiede al Consiglio federale di seppellire ufficialmente l’accordo ora, in modo da fare finalmente chiarezza su questo tema.

I negoziati relativi all’accordo istituzionale con l’UE sono falliti. L’UDC si rammarica che il Consiglio federale non abbia avuto il coraggio di dirlo oggi alla Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Tuttavia, l’UDC valuta positivamente il fatto che il Presidente Guy Parmelin non abbia fatto alcuna concessione né abbia segnalato un’ulteriore disponibilità al compromesso durante i colloqui odierni. “Sono contento che il nostro presidente non abbia ceduto e abbia detto chiaramente che questo trattato coloniale, che minaccia il Popolo svizzero e i suoi diritti democratici, non può essere firmato”, dice il Presidente del partito Marco Chiesa. “Vogliamo buone relazioni con l’UE, ma queste devono essere su un piano di assoluta parità. Non siamo disposti a sottometterci a un trattato unilaterale che serve solo a far passare gli interessi dell’UE”.

L’UDC si aspetta che il Consiglio federale chiarisca subito le cose e seppellisca ufficialmente l’accordo quadro, affinché le relazioni tra la Svizzera e l’UE possano finalmente normalizzarsi. Le relazioni bilaterali dovrebbero continuare sulla base di trattati che possono essere rinnovati, se necessario.

Un legame istituzionale con l’adozione automatica del diritto europea, una clausola di ghigliottina, giudici stranieri, o la Corte di giustizia europea come autorità suprema, sono fuori questione per l’UDC in futuro, perché questo non è compatibile con la sovranità del nostro Paese. L’UDC lo fa notare da anni. In definitiva, è grazie alla determinazione e all’instancabile lotta dell’UDC contro questo accordo, se ora possiamo finalmente seppellirlo.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
28.06.2022, di Thomas Hurter
Da qualche mese a questa parte, ci è stato improvvisamente fatto notare che noi, e diversi altri... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Manuel Strupler
La Svizzera da 10 milioni di abitanti sarà presto una realtà, con conseguenze devastanti per il nostro... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas de Courten
Il sistema pensionistico è diventato pericolosamente squilibrato. Con la riforma dell'AVS che sarà sottoposta al voto il... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo