Comunicato stampa

I delegati UDC per una “tolleranza zero” contro l’Islam radicale in Svizzera

360 delegati di UDC Svizzera si sono riuniti il 28.10.2017 a Frauenfeld (TG) per discutere sulle derive dell’Islam radicale in Svizzera. Dopo diversi appassionati discorsi sull’oggetto, nei quali gli intervenuti hanno sottolineato a più riprese il pericolo rappresentato da un Islam radicale e citato numerosi esempi recenti al riguardo. I delegati hanno in seguito adottato, all’unanimità meno un voto, un catalogo di esigenze intitolato «Tolleranza zero nei confronti della radicalizzazione islamista!»

Anche i musulmani devono rispettare il nostro regime giuridico, come pure la nostra cultura e i nostri usi e costumi.

Esigenze a livello dei cantoni dei comuni e delle città:

  • un riconoscimento di diritto pubblico dell’Islam o una formazione di imam da parte dello Stato è fuori questione;
  • coloro che non rispettano il nostro regime giuridico devono lasciare il paese;
  • le autorità e la polizia devono in qualsiasi momento avere accesso alle moschee nelle quali i culti devono essere effettuati in una delle lingue ufficiali della Svizzera;
  • le moschee e altre istituzioni islamiche che diffondono un Islam radicalizzato devono immediatamente essere chiuse o proibite;
  • l’attività pastorale degli imam nelle prigioni e nell’esercito deve cessare. Gli imam possono essere sostituiti da psicologi dell’esercito o delle prigioni;
  • l’Islam sottopone i musulmani al diritto religioso (sharia) in diversi settori. Le autorità e i giudici svizzeri devono tuttavia imporre l’ordine giuridico svizzero senza alcuna restrizione;
  • noi rifiutiamo l’introduzione di giorni festivi musulmani ufficiali, in particolare il ramadan;
  • le norme penali contro gli appelli all’odio e alla violenza devono essere applicate rigorosamente nei confronti dei musulmani radicalizzati;
  • i corpi di polizia dei cantoni devono essere rafforzati, formati in maniera mirata e impegnati attivamente nella sorveglianza.

Esigenze a livello della Confederazione:

  • devono essere immediatamente imposti dei controlli personali alle frontiere. Le persone che non dichiarano la loro origine perdono il diritto all’asilo o all’accesso in Svizzera;
  • tutti i viaggiatori che tornano dal jihad o che sono già tornati in Svizzera, devono immediatamente essere posti in detenzione per motivi di sicurezza;
  • il servizio d’informazione deve osservare attentamente tutti i musulmani che presentano un potenziale di radicalizzazione;
  • fino a nuovo avviso, le attività degli imam devono essere sorvegliate in tutta la Svizzera;
  • tutte le persone che sono sotto osservazione a causa del loro islamismo e della loro propensione alla violenza, devono immediatamente essere espulse o mese in detenzione per motivi di sicurezza;
  • tutte le organizzazioni musulmane in Svizzera sono invitate a denunciare gli estremisti, i predicatori di odio e gli altri musulmani radicalizzati alle autorità, affinché queste possano prendere le misure necessarie;
  • qualsiasi sostegno finanziario dell’Islam in Svizzera, da parte di Stati musulmani, di altri governi, di organizzazioni straniere o di privati stranieri, deve essere bloccato.
  • la legge sulla protezione dei dati deve, se necessario, essere adeguata;
  • nessuno ha il diritto di dissimulare il proprio volto negli spazi pubblici e nelle aree accessibili al pubblico;
  • gli abusi del diritto d’asilo devono cessare e coloro che si rendono colpevoli d’abuso di questo diritto devono essere espulsi;
  • La carne halal, la dissimulazione del volto, eccetera, non devono essere tollerate nei luoghi pubblici, come pure nelle scuole, nelle prigioni, negli ospedali e nell’esercito. Dobbiamo vivere conformemente ai nostri valori cristiani.
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.02.2020
Il Tribunale federale ha pubblicato ieri una sentenza che accorda ai figli di rifugiati una rendita AI... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
12.02.2020
L'UDC è preoccupata per i danni che questo caso di spionaggio ha causato alla reputazione della Svizzera... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
09.01.2020, di Yves Nidegger
L’omosessualità non è né una razza, né un’etnia né, tantomeno, una religione. Con il pretesto di proteggere... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo