Comunicato stampa

Il comitato di UDC Svizzera invita il Consiglio federale a rifiutare l’accordo istituzionale con l’UE

In occasione della sua seduta digitalizzata di oggi (23.10.2020), il comitato di UDC Svizzera ha approvato unanimemente all’attenzione dell’assemblea dei delegati una risoluzione concernente l’accordo-quadro istituzionale con l’UE. In vista della votazione popolare del 29 novembre prossimo, il comitato raccomanda all’assemblea dei delegati di respingere le due iniziative popolari “Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente” e “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico”.

Il comitato di UDC Svizzera s’è pronunciato all’unanimità a favore dii una risoluzione contro l’accordo-quadro istituzionale fra l’UE e la Svizzera. Questa risoluzione in dodici punti riassume la valutazione dell’accordo e le esigenze dell’UDC. Il punto centrale è l’invito indirizzato al Consiglio federale a rifiutare questo accordo. Bisogna che il governo spieghi chiaramente all’UE che la Svizzera è certamente interessata a intrattenere buone relazioni bilaterali su un piede di parità, ma che non sottoscriverà un trattato che viola l’articolo che definisce lo scopo della Costituzione federale, ossia la salvaguardia dell’indipendenza del paese e dei diritti del popolo.

L’accordo-quadro comporta un assoggettamento della Svizzera all’UE, il che equivarrebbe a un’insidiosa adesione a quest’organizzazione. La Svizzera perderebbe la sua sovranità, perché sarebbe costretta a riprendere automaticamente il diritto UE e a sottomettersi alla giurisdizione UE. Questo accordo viola l’indipendenza nazionale, la Costituzione federale e i valori fondamentali della Svizzera. Esso contravviene inoltre agli interessi dell’economia e della popolazione svizzera. Domani (24.10.2020), i delegati di UDC Svizzera decideranno sulla risoluzione adottata dal comitato del partito.

Due NO a delle iniziative nocive dell’estrema sinistra

I delegati di UDC Svizzera adotteranno domani (24.10.2020) le parole d’ordine del partito in vista delle votazioni popolari del 29 novembre. Il comitato si oppone chiaramente  alle iniziative popolari “Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente” e “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico”. Lanciate da organizzazioni come Amnesty International o Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSSE), queste due iniziative estremiste nocciono alle popolazioni più povere del mondo e non portano alcun contributo alla pace mondiale. In compenso, nuocerebbero gravemente alle PMI svizzere e alle nostre istituzioni previdenziali, dunque alla popolazione del nostro paese.

Peter Keller sarà il nuovo segretario generale di UDC Svizzera

Il comitato ha inoltre eletto all’unanimità il consigliere nazionale nidvaldese Peter Keller nuovo segretario generale di UDC Svizzera. 49 anni, Peter Keller siede dal 2011 in Consiglio nazionale e dispone di una lunga esperienza politica a livello comunale, cantonale e nazionale. Grazie alla sua attività di redattore e giornalista indipendente presso il settimanale “Weltwoche”, conosce anche perfettamente il settore dei media. Egli entrerà in funzione il 1° gennaio 2021 e succederà all’attuale segretario generale Emanuel Waeber, il quale desidera ridurre, per ragioni d’età, il suo carico di lavoro presso il segretariato generale di UDC Svizzera e, di conseguenza, rinunciare alla sua funzione. Emanuel Waeber rimarrà a disposizione del segretariato e del nuovo segretario generale sulla base di un orario di lavoro a tempo parziale. La continuità alla direzione del segretariato generale è così assicurata con sufficiente anticipo sulle elezioni federali del 2023.

A causa della pandemia di Covid-19, il comitato dell’UDC ha tenuto la sua riunione per via elettronica.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
18.11.2020
Un aiuto finanziario deve essere dato alle imprese che si trovano in una situazione economica pericolosa a... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
29.10.2020
Preparando l’attuale sessione speciale, il gruppo parlamentare UDC ha deciso di non entrare in materia sulla legge... continua a leggere
Conferenza stampa
Condividi articolo
20.10.2020
L’UDC Svizzera sostiene il referendum lanciato da diverse associazioni economiche contro la legge sul CO2.  La legge,... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo