Comunicato stampa

Il Consiglio federale deve finalmente ridurre la burocrazia e i regolamenti che ostacolano l’economia

Il Forum PMI suona il campanello d’allarme: la competitività dell’industria svizzera s’è massicciamente deteriorata in questi ultimi anni. Già da tempo l’UDC aveva messo in guardia contro questa minaccia che si è oggi concretizzata. Essa invita perciò il Consiglio federale ad adempiere immediatamente al mandato assegnatogli dal Parlamento e a presentare un programma completo di rivitalizzazione per ristabilire l’attrattività dell’economia svizzera.

Durante gli scorsi 20 anni, la sola Confederazione ha prodotto più di 113’000 pagine di nuovi testi di legga, ossia mediamente oltre 5’600 pagine l’anno. Questa valanga legislativa non solo è onerosa, ma nuoce all’economia svizzera. La fattura che questi eccessi regolatori rappresentano per le imprese, società e amministrazioni, ammonta a circa 60 miliardi di franchi l’anno, ossia un decimo del prodotto interno lordo della Svizzera, secondo uno studio dell’Unione svizzera delle arti e mestieri.

Questa evoluzione nociva deve essere arrestata. Nel marzo 2019, il gruppo parlamentare UDC ha depositato una mozione invitante il Consiglio federale ad allestire un programma di rivitalizzazione. Lo scopo deve essere di ottimizzare le condizioni-quadro fissate dallo Stato, di aumentare l’attrattività dell’economia svizzera e di salvaguardare l’impiego. Avendo le due camere federali approvato la mozione, la palla è ora nel campo del governo.

Il  Consiglio federale deve agire
La commissione extraparlamentare Forum PMI, ha appena annunciato che la competitività della piazza industriale svizzera è enormemente diminuita. Nella classifica della Banca mondiale, la Svizzera è crollata dal 15° rango che occupava nel 2007, al 36° di oggi. Tenuto conto di questo risultato che giudica «allarmante», il Forum PMI raccomanda di adottare delle misure supplementari per ridurre il carico amministrativo gravante sulle imprese.

Da parte sua, l’UDC invita il Consiglio federale a occuparsi immediatamente di questo mandato parlamentare e a presentare nel più breve tempo possibile un programma di rivitalizzazione competo.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
13.03.2022
Attualmente, la Svizzera può nutrire solo un abitante su due. La guerra in Ucraina sta causando un'ulteriore... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
19.02.2022
Già nel 2024/25 la Svizzera non avrà più abbastanza elettricità, soprattutto in inverno. Nella sua riunione a... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
20.01.2022, di Guy Parmelin
Affinché le aziende prosperino e creino posti di lavoro attraenti, non dovrebbero essere ostacolate da regolamenti onerosi.... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo