Comunicato stampa

Il Consiglio federale deve porre fine alle misure arbitrarie

L’UDC accoglie con favore il prolungamento del periodo di assunzione dei costi dei test da parte del Governo federale. D’altro canto, respinge fermamente il fatto che i test saranno gratuiti solo per le persone alle quali è già stata somministrata la prima dose di vaccino dall’11 ottobre. Ciò non rappresenta altro che un obbligo vaccinale indiretto. Dal punto di vista dell’UDC, il requisito del certificato non può essere giustificato in alcun modo, soprattutto alla luce del numero dei casi di Covid-19 in diminuzione e del fatto che il Consiglio federale calcola deliberatamente un tasso di vaccinazione più basso.

L’UDC respinge chiaramente l’estensione del requisito dell’obbligo di certificato Covid. Ciò non rappresenta altro che una vaccinazione forzata indiretta per i cittadini. L’obbligo del certificato è arbitrario e discrimina gran parte della popolazione perché le persone che non vogliono essere vaccinate dovranno farsi carico dei costi dei test dall’11 ottobre per non essere escluse dalla vita sociale o dalla loro istruzione. Questo onere finanziario aggiuntivo – soprattutto per i giovani e per i cittadini del ceto medio-basso – è inaccettabile. Come è inaccettabile che questa misura debba colpire duramente ancora una volta i settori della gastronomia, del tempo libero, del fitness e della cultura.  Questi settori dovranno ancora una volta sopportare il peso delle misure, anche se hanno dimostrato di avere concetti di protezione funzionanti.

La Confederazione calcola deliberatamente un tasso di vaccinazione più basso

Ovviamente la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale non pensa di porre fine alle misure. Il responsabile della sanità Alain Berset e l’UFSP si rifiutano ancora di definire criteri chiari in base ai quali l’obbligo del certificato sarà revocato. Ed è ancora più scioccante che il Consiglio federale non sia onesto nel calcolare il tasso di vaccinazione. Perché confronta il numero di vaccinati con il numero totale della popolazione e quindi include tutti coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici o a causa della loro giovane età. Usando i dati corretti, il tasso di vaccinazione sarebbe oggi del 77%. Per tale motivo, l’obbligo di certificato dovrebbe essere revocato con effetto immediato.

Anche in considerazione della diminuzione dei contagi, il mantenimento dell’estensione dell’obbligo di certificato non può più essere giustificato.  Pertanto, l’UDC esige che il Consiglio federale ponga immediatamente fine alle misure arbitrarie e la smetta di dividere la società tra vaccinati “buoni” e “cattivi” non vaccinati. La coercizione, la discriminazione e la divisione della società devono finire immediatamente. La situazione particolare deve finalmente essere revocata e la libertà deve essere restituita al popolo.

L’UDC respinge chiaramente l’estensione del requisito dell’obbligo di certificato Covid. Ciò non rappresenta altro che una vaccinazione forzata indiretta per i cittadini. L’obbligo del certificato è arbitrario e discrimina gran parte della popolazione perché le persone che non possono o non vogliono essere vaccinate dovranno farsi carico dei costi dei test dall’11 ottobre per non essere escluse dalla vita sociale o dalla loro istruzione. Questo onere finanziario aggiuntivo – soprattutto per i giovani e per i cittadini del ceto medio-basso – è inaccettabile. Come è inaccettabile che questa misura debba colpire duramente ancora una volta i settori della gastronomia, del tempo libero, del fitness e della cultura.  Questi settori dovranno ancora una volta sopportare il peso delle misure, anche se hanno dimostrato di avere concetti di protezione funzionanti.

La Confederazione calcola deliberatamente un tasso di vaccinazione più basso

Ovviamente la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale non pensa di porre fine alle misure. Il responsabile della sanità Alain Berset e l’UFSP si rifiutano ancora di definire criteri chiari in base ai quali l’obbligo del certificato sarà revocato. Ed è ancora più scioccante che il Consiglio federale non sia onesto nel calcolare il tasso di vaccinazione. Perché confronta il numero di vaccinati con il numero totale della popolazione e quindi include tutti coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici o a causa della loro giovane età. Usando i dati corretti, il tasso di vaccinazione sarebbe oggi del 77%. Per tale motivo, l’obbligo di certificato dovrebbe essere revocato con effetto immediato.

Anche in considerazione della diminuzione dei contagi, il mantenimento dell’estensione dell’obbligo di certificato non può più essere giustificato.  Pertanto, l’UDC esige che il Consiglio federale ponga immediatamente fine alle misure arbitrarie e la smetta di dividere la società tra vaccinati “buoni” e “cattivi” non vaccinati. La coercizione, la discriminazione e la divisione della società devono finire immediatamente. La situazione particolare deve finalmente essere revocata e la libertà deve essere restituita al popolo.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.05.2022
L'UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.05.2022
Oltre il 41% degli stranieri condannati ha il permesso di rimanere in Svizzera, anche se la Costituzione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
12.05.2022, di Gregor Rutz
In tempi di crisi, la resistenza e il funzionamento di un ordine statale diventano evidenti. Se la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo