Comunicato stampa

Il Consiglio federale non soddisfa le richieste dell’UDC e mantiene lo Stato d’urgenza – incomprensibile allentamento delle misure alle frontiere

L’UDC è delusa della decisione del Consiglio federale di non porre termine il 19 giugno 2020 alla siztuazione straordinaria secondo la legge sulle epidemie. La Svizzera non ritrova quindi il suo regime costituzionale ordinario che l’UDC chiedeva già il 31 marzo 2020. È inoltre incomprensibile che il Consiglio federale decida di aprire le frontiere già il prossimo 8 giugno.

Con il mantenimento del diritto d’urgenza, diversi interventi centralizzatori dello Stato e delle misure derivanti dall’economia pianificata restano in vigore. Il regime costituzionale ordinario non è dunque ristabilito. Nonostante che il nostro paese si trovi attualmente in una situazione economica straordinariamente difficile, in questa periodo di tensione, il Consiglio federale intende aprire le frontiere e far entrare in Svizzera ancora più manodopera estera. Quasi due milioni di persone, ossia oltre un terzo di tutti i salariati svizzeri, sono in disoccupazione parziale e più di 150’000 hanno perso il loro impiego. Questa decisione equivale a un affronto nei confronti degli Svizzeri che si trovano in disoccupazione a causa del Covid-19.

L’UDC chiede ancora una volta il mantenimento dei rigorosi controlli alle frontiere. Anche in periodi economicamente favorevoli, un milione di persone – per la maggior parte provenienti dall’UE – è venuto a stabilirsi nel nostro paese nello spazio di 13 anni, per lavorarvi o per approfittare del nostro sistema sociale. A seguito del forte aumento della disoccupazione in tutti i paesi circostanti, la Svizzera subirà forzatamente un afflusso supplementare di immigranti che non si potranno fermare a causa della libera circolazione delle persone – e ciò, nonostante che delle migliaia di Svizzeri siano in disoccupazione, e che ci si debba attendere un aumento della povertà e un’esplosione degli oneri sociali. Oltre a ciò, il numero di persone entranti in Svizzera clandestinamente aumenterà a causa dell’apertura delle frontiere.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.05.2022
L'UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.05.2022
Oltre il 41% degli stranieri condannati ha il permesso di rimanere in Svizzera, anche se la Costituzione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
12.05.2022, di Gregor Rutz
In tempi di crisi, la resistenza e il funzionamento di un ordine statale diventano evidenti. Se la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo