Comunicato stampa

Il Consiglio federale si ostina a ignorare i Cantoni e le Commissioni parlamentari!

Il Consiglio federale si ostina a ignorare i Cantoni e le Commissioni parlamentari! Il fatto che il Consiglio federale non abbia deciso per maggiori aperture è un affronto. La popolazione e le imprese continuano ad essere perseguitate. Il Consigliere federale Berset e le sue proposte hanno vinto su tutta la linea. I due pavidi Consiglieri federali liberali continuano apparentemente a lasciarlo fare.

  • L’UDC continua a esigere l’apertura immediata di tutte le aziende e le imprese con concetti di protezione funzionanti.
  • Il Governo antidemocratico del Consiglio Federale deve finire il più presto possibile.
  • I due pavidi Consiglieri federali liberali seguitano a lasciar fare al Consigliere federale Berset: a scapito dei posti di lavoro e delle finanze pubbliche federali (altri miliardi di franchi di debito e di prevedibile aumento di tasse).

Il presidente del partito Marco Chiesa: “La gente vuole vivere. Con questa politica, il Consiglio federale sta facendo ammalare la popolazione sana”.

La consigliera nazionale e albergatrice Esther Friedli: “Il fatto che i ristoranti, con i loro concetti di protezione esemplari, non possano aprire immediatamente è pura persecuzione”.

La consigliera nazionale e prima firmataria della petizione “Pasti caldi per i lavoratori” Monika Rüegger: “Più di 300’000 persone hanno sostenuto con due petizioni l’apertura immediata dei ristoranti – cosa che ovviamente non interessa al Consiglio federale”.

La consigliera nazionale Céline Amaudruz: “La politica timorosa del Consiglio federale distruggerà ancora più posti di lavoro e di formazione”.

 

Il Consiglio federale governa in modo antidemocratico

La maggioranza dei Cantoni esigeva chiaramente aperture più ampie e più rapide del Consiglio federale. Oltre alla Commissione della sicurezza sociale e della sanità (CSSS) del Consiglio nazionale, anche la Commissione dell’economia e dei tributi (CET) del Consiglio degli Stati ha deciso (con 8 voti contro 2!) di aprire immediatamente le terrazze e i ristoranti il 22 marzo!

Ma il Consiglio federale continua a ignorare, in modo del tutto antidemocratico, sia i Cantoni che le Commissioni di entrambi i rami del Parlamento. Inoltre, al responsabile della salute pubblica Alain Berset sembra importare ben poco che le due petizioni “Stop Lockdown” e “Pasti caldi per i lavoratori” abbiamo raccolto più di 300’000 sottoscrizioni in poco tempo.

L’autocrazia del Consiglio federale deve finire ora. Non dovrebbe più essere in grado di decidere autonomamente le misure di restrizione! A tal fine, l’UDC (consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher) ha presentato una mozione alla commissione dell’economia e dei tributi che chiede: “Prima di emanare misure con un impatto economico significativo, come i divieti di lavoro o di esercizio, il Consiglio federale deve ottenere l’accordo delle commissioni parlamentari competenti”. (da inserire nella legge Covid-19, articolo 1)

Il fatto che il Consiglio federale non abbia nemmeno permesso l’apertura delle terrazze dei ristoranti è una pura dimostrazione di potere e di vessazione. Non c’è nessun dato che giustifichi una simile decisione. Il Canton Grigioni, con le loro terrazze nei comprensori sciistici aperte da 2 mesi e il programma di test di massa di gran lunga più esteso, si situa massicciamente al di sotto della media svizzera nei valori epidemiologici di riferimento del Consiglio federale e al di sotto del valore con il quale il Governo prevede di aprire tutti i ristoranti! Quello che il Consiglio federale sta attuando è pura persecuzione. È ancora più incomprensibile è l’atteggiamento dei due Consiglieri federali PLR che seguitano a sostenere le arbitrarie misure proposte da Berset.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.06.2021
Per celebrare la fine dell'accordo istituzionale con l'UE e quindi la permanenza di una Svizzera libera e... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.06.2021
Oggi, grazie all'UDC, il Consiglio nazionale ha finalmente approvato una revisione parziale della legge sull'energia. Il Consiglio... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
13.06.2021
L’UDC si rallegra del fatto che gli elettori hanno rifiutato la politica ideologica della sinistra rappresentata dalla... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo