Comunicato stampa

Il Consiglio federale si prende gioco della neutralità e si ostina a voler ottenere un seggio nel Consiglio di sicurezza dell’ONU

L’UDC ha depositato una mozione richiedente che il Consiglio federale rinunci alla candidatura della Svizzera al Consiglio di sicurezza dell’ONU. Il rifiuto opposto dal governo a questa mozione è scandaloso, perché un seggio nel Consiglio di sicurezza è totalmente incompatibile con la neutralità svizzera.

L’UDC è indignata nel vedere un Consiglio federale, peraltro dominato da una maggioranza borghese, respingere questa mozione, mantenendo nel contempo la sua intenzione di depositare una candidatura a un seggio nel Consiglio di sicurezza. Come i loro predecessori in governo, le nuove consigliere federali Viola Amherd (PPD) e Karin Keller-Sutter (PLR) hanno ceduto alla prospettiva di potersi pavoneggiare sulla scena internazionale, invece di difendere i reali interessi della Svizzera.

La Svizzera deve continuare a puntare sui buoni uffici
Il Consiglio di sicurezza dell’ONU cerca di influenzare la politica mondiale decidendo in materia di guerra e di pace. Una partecipazione a quest’organo, quindi, è diametralmente opposta al principio di neutralità della Svizzera. L’ONU ha conferito alle grandi potenze un privilegio importante: i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza dispongono di un diritto di veto e hanno quindi il potere di far passare la forza al di sopra del diritto. L’idea della sicurezza collettiva cui pretende d’ispirarsi l’ONU esclude in realtà la leadership di certi singoli Stati.

È perciò escluso che la Svizzera partecipi a quest’organo. Invece di farsi guidare da motivazioni di prestigio, il Consiglio federale farebbe meglio a continuare a puntare sui buoni servizi. Ma questa politica è credibile soltanto se si basa sulla neutralità.

L’UDC continuerà a battersi contro un seggio della Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell’ONU.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.07.2019
Con la sua sentenza di oggi (26.07.2019), il Tribunale federale costringe le banche svizzere a fornire dei... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
26.07.2019, di Albert Rösti
Il 25 luglio 2019 è il 79° anniversario del famoso Rapporto del Grütli. In quell’anno 1940 –... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.07.2019
Il Consiglio federale ha presentato oggi (03.07.2019) le sue proposte per la riforma dell’AVS. L’UDC accoglie favorevolmente... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo