Comunicato stampa

Il Consiglio federale si rende complice dei ladri di dati

Conformemente al diritto in vigore, la Svizzera non entra in materia su una domanda d’assistenza amministrativa se questa si basa su informazioni ottenute tramite un atto penale – per esempio, un furto di dati bancari. Ciò dovrebbe infatti andare da sé in uno Stato di diritto. Il Consiglio federale ha tuttavia deciso, nella sua seduta di oggi (10.06.2016), di rendere meno rigida questa prassi e di entrare lo stesso in materia, a certe condizioni, sulle domande d’assistenza amministrativa basate su dati rubati. L’UDC respinge categoricamente questa deplorevole decisione.

Nonostante le riserve di principio suscitate dall’utilizzo di dati rubati e anche il fatto che tale adeguamento non sia richiesto a livello internazionale, il Consiglio federale ha deciso di rendere meno rigida la sua prassi per ciò che concerne i dati rubati di clienti bancari. Esso propone così di entrare comunque in materia sulla domanda d’assistenza di uno Stato, se questo ha ottenuto dei dati di questa natura per via ordinaria di un’assistenza amministrativa o da fonti pubblicamente accessibili.    
I princìpi elementari dello Stato di diritto vietano di fare una distinzione fra dati acquisiti illegalmente in maniera attiva o passiva. Un furto rimane un furto. Per la stessa ragione e sulla base di un ragionamento analogo, la procedura penale svizzera non ammette delle prove acquisite illegalmente. L’UDC ha perciò respinto questa modifica della legge sull’assistenza amministrativa già al momento della procedura di consultazione.
L’UDC tiene particolarmente a ricordare che questa nuova prassi in materia di assistenza amministrativa fiscale si applicherebbe unicamente agli Stati con i quali la Svizzera non abbia stipulato un accordo per lo scambio automatico d’informazioni. Accordare proprio a questi Stati un’assistenza amministrativa agevolata sulla base di dati rubati, permettendo loro di eventualmente perseguire in maniera arbitraria ed eccessiva i loro propri cittadini, è inaccettabile, tanto più che equivale a legittimare una procedura contestabile dal punto di vista dello Stato di diritto.

 

Altro su questo tema
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Guy Parmelin
È la prima volta che ho l’occasione di rivolgermi a voi quale svizzero ministro dell’economia. Sono molto... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Magdalena Martullo-Blocher
L’accordo-quadro istituzionale è tutto salvo che tagliato su misura. Non una sola volta, i sarti dell’UE, hanno... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
30.03.2019
Riuniti a Amriswil (TG), i delegati di UDC Svizzera hanno approvato, il 30 marzo 2019 all’unanimità, rivolto... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo