Comunicato stampa

Il Consiglio federale s’inchina di fronte a una “soft law” internazionale ostile all’economia

Il Consiglio federale annuncia oggi che ha approvato il 21 novembre 2018 il messaggio concernente l’applicazione delle raccomandazioni del Global Forum, mentre che questo progetto era stato severamente criticato nell’ambito della procedura di consultazione. L’UDC è allibita di fronte a questa decisione. La legge proposta prevede infatti essenzialmente di trasformare le azioni al portatore in azioni nominali o di concepirle come titoli contabili.

Come gli altri partiti borghesi, anche l’UDC ha respinto categoricamente il progetto di legge messo in consultazione. Durante il dibattito parlamentare sul pacchetto di leggi del Global Forum, anche il legislativo s’è chiaramente espresso a favore del mantenimento della forma di impresa società per azioni al portatore. Partendo da questa scelta, il diritto delle società anonime è stato modificato e, a seguito di questo, molte società per azioni al portatore hanno proceduto a onerose modifiche delle loro strutture. Non è accettabile in queste condizioni che il Consiglio federale torni alla carica solo tre anni più tardi, in un gesto d’obbedienza anticipata, per assoggettare la Svizzera a una “soft law”, dunque a una regolamentazione internazionale senza carattere vincolante, allo scopo di proibire le società per azioni al portatore, in opposizione alla volontà del Parlamento.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
18.12.2018, di Thomas Matter
Già l’estate scorsa il Consiglio federale aveva deciso, su proposta del Dipartimento federale delle finanze, di prendere... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
22.10.2018, di Thomas Matter
L'economia è “allarmata” dall’iniziativa per l’autodeterminazione, affermano dei professori universitari, dei giuristi e dei funzionari di associazione.... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
15.10.2018, di Gregor Rutz
Gli avversari dell’iniziativa per l’autodeterminazione ripetono come un disco rotto che la Svizzera diventerebbe un partner contrattuale... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Politica economica

Più libertà economica, invece di burocrazia.

Trasporti

Via libera senza vessazioni.

Energia

Per un approvvigionamento energetico sicuro ed economico.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Formazione

Formazione orientata sulla pratica invece di smania di riforme.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo