Comunicato stampa

Il Consiglio federale sposta la responsabilità sulla popolazione e rifiuta il ritorno alla normalità per i vaccinati, testati e guariti.

Contrariamente all’allarmismo della scienza e dell’UFSP, la situazione pandemica in Svizzera non è peggiorata. Ciononostante, il Consiglio federale continua a negare alle persone in Svizzera il ritorno a una sorta di normalità. Per l’UDC, le misure restrittive non possono più essere giustificate.

Gli scenari drammatici che i responsabili della Task-force e dell’UFSP avevano previsto poco più di un mese fa non si sono avverati. Gli ospedali non sono sovraccarichi, a febbraio l’Ufficio federale di statistica ha persino registrato un tasso di mortalità più basso e il numero di persone in convalescenza e vaccinate è in costante aumento.

Anziani agli arresti domiciliari nonostante la vaccinazione

Nonostante ciò, il Consiglio federale esclude categoricamente ulteriori passi per l’apertura del paese prima della fine di maggio. Si rifiuta persino di permettere un ritorno alla normalità per tutti coloro per i quali il virus non rappresenta più un pericolo o che sono palesemente sani, in particolare i vaccinati, quelli che sono risultati negativi e quelli che sono guariti. Anche gli anziani vaccinati nelle case di riposo e di cura risultano essere ancora agli arresti domiciliari.

Questo significa che non c’è alcun incentivo a farsi vaccinare o testare. Allo stesso tempo, il Consiglio federale si lamenta di una presunta mancanza di “volontà di farsi vaccinare” tra la popolazione.

A soffrire è ancora una volta la ristorazione

Invece di indicare davvero una via d’uscita dalla pandemia, il Consiglio federale preferisce trovare sempre nuove ragioni per mantenere le restrizioni. Non solo, scarica addirittura la responsabilità sulla popolazione. Il problema non è la mancanza di “volontà di farsi vaccinare”, come sostiene il Consiglio federale, ma il fatto che l’UFSP di Berset continua imperterrito a collezionare fallimenti nell’approvvigionamento e nella distribuzione delle dosi di vaccino.

Ancora una volta è la ristorazione a soffrire. L’UDC esige quindi:

  • la revoca immediata di tutte le restrizioni ordinate;
  • un’accelerazione nella somministrazione dei vaccini alla popolazione e un’attuazione coerente della campagna di test;
  • allentamenti delle misure per tutti coloro che non sono più a rischio di contrarre il Covid-19;
  • la fine dell’attuale confusione tra norme e regolamenti e l’abolizione immediata di misure evidentemente assurde come la zona di 25 metri quadrati per i cori e le filarmoniche.
Condividi articolo
Temi
Categorie
#allgemein
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.05.2022
L'UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.05.2022
Oltre il 41% degli stranieri condannati ha il permesso di rimanere in Svizzera, anche se la Costituzione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
12.05.2022, di Gregor Rutz
In tempi di crisi, la resistenza e il funzionamento di un ordine statale diventano evidenti. Se la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Esercito

La sicurezza della popolazione.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo