Comunicato stampa

Il Consiglio federale vuole far venire dei rifugiati in aereo

Adesso che, finalmente, la via mediterranea è chiusa ai migranti illegali e che le cifre dell’asilo sono in calo, il Consiglio federale vuole, su iniziativa della consigliera federale competente per l’immigrazione Simonetta Sommaruga, far venire in aereo migliaia di rifugiati l’anno. Il Consiglio federale procederebbe così a un cambiamento di paradigma, minando il sistema svizzero dell’asilo.

Alla fine degli anni ’50, la «reinstallazione» era stata pensata come uno strumento di aiuto rapido e a corto termine alle vittime dell’insurrezione ungherese. La Svizzera ha poi in seguito preso parte solo raramente a tali programmi, adducendo in particolare quale giustificazione il numero già molto elevato di richiedenti l’asilo, nonché che le persone accettate fino ad allora trovavano difficilmente un lavoro in Svizzera.

Benché oggi nulla sia cambiato in questo contesto (salvo l’aumento massiccio delle cifre dell’asilo e dei costi), la consigliera federale Simonetta Sommaruga intende d’ora in avanti promuovere l’immigrazione nel sistema sociale dissimulata sotto l’etichetta di asilo, mediante una sorta di ponte aereo. Così, 800 persone dovrebbero arrivare in Svizzera in aereo l’anno prossimo, e questa cifra raggiungerebbe verosimilmente un totale di 2000 persone nel 2020 e 2021.

L’UDC non riesce a capire perché la maggioranza del Consiglio federale abbia autorizzato l’accoglienza di 800 persone nel 2019. I costi causati da questo tipo di concessione dell’asilo sono, ancora una volta, a carico del contribuente. Resta il fatto che il Consiglio federale intende sottoporre il concetto dei due anni della consigliera federale Simonetta Sommaruga alle commissioni parlamentari competenti. L’UDC rifiuta categoricamente questo programma di reinstallazione, in particolare perché la Svizzera approverebbe così de facto un altro patto “soft law” altamente problematico dell’ONU, ossia il Patto sui rifugiati. Quest’ultimo contiene in particolare un programma mondiale di rilocalizzazione e vuole inoltre estendere il concetto attualmente in vigore di «rifugiato» ai rifugiati climatici.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
14.12.2018
Il Consiglio federale ha deciso oggi di presentare il Patto dell’ONU per le migrazioni al Parlamento, sotto... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
13.12.2018, di Andreas Glarner
Leggendo il Patto mondiale sui rifugiati, si constata subito che è della stessa matrice del Patto dell’ONU... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
12.12.2018
Il PPD e il PLR hanno ancora una volta fatto causa comune con la sinistra per impedire... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Famiglia

Responsabilità personale invece di controllo.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Caso particolare Svizzera

Autonomi e sicuri di sè.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Formazione

Formazione orientata sulla pratica invece di smania di riforme.

Sanità

Qualità grazie alla concorrenza.

Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo