Comunicato stampa

Il Consiglio federale vuole pompare 6,154 miliardi di franchi nelle fantasie scientifiche dell’UE

Potete citare a memoria un solo risultato tangibile del programma di ricerca UE “Horizon”? No? Ma ciò non impedisce al Consiglio federale di voler spendere 6,154 miliardi di franchi per partecipare a questo programma. Mentre la pandemia di Covid-19 sta spingendo la Svizzera verso la più grande crisi economica di questi ultimi decenni e il finanziamento delle conseguenze di questa crisi non è assolutamente assicurato, il Consiglio federale vuole sperperare miliardi di franchi per partecipare alle fantasie scientifiche dell’UE. Un atteggiamento davvero irresponsabile.

Non si sa ancora nulla della futura concezione dei programmi di ricerca dell’UE. Pare che il Consiglio dei ministri e il Parlamento UE ci stiano lavorando. Paese non membro dell’UE, la Svizzera ha solo il diritto di assistere quale spettatrice. Nemmeno si conoscono le future condizioni di partecipazione che saranno imposte alla Svizzera. La sola cosa che si sa, è che il Consiglio federale è pronto a spendere dei miliardi di franchi per dei progetti sconosciuti e per una partecipazione svizzera altrettanto ignota. La partecipazione al programma di ricerca europeo “Horizon” costerà in ogni caso molto più caro di quanto lo sia stato finora. Il governo chiede al parlamento 6,154 miliardi di franchi per il periodo dal 2021 al 2027, ossia circa 1,8 miliardi di franchi in più rispetto al programma in corso. I contributi obbligatori della Svizzera aumentano del 37%, si legge nel messaggio che propone questi crediti al parlamento.

Non c’è stata finora alcuna trattativa fra la Svizzera e l’UE. Come d’abitudine di fronte a Bruxelles, il Consiglio federale si sta preparando servilmente ad accettare qualsiasi “compromesso” nei futuri negoziati. Con tutto il rispetto, signore e signori consiglieri federali, questo comportamento è debole, molto debole.

Lasciando l’UE, la Gran Bretagna ha privato il programma “Horizon” delle migliori università europee. Non si sa in quale misura gli Inglesi proseguiranno la loro collaborazione scientifica con l’UE e, al momento, non ci sono ancora state delle trattative.

Sarebbe strategicamente molto più sensato mettere a punto una collaborazione scientifica con la Gran Bretagna, avviando – di concerto con il Regno unito – delle trattative con l’UE, invece che lasciarsi sfruttare senza vergogna da Bruxelles. La Svizzera ha il diritto di fare delle ricerche scientifiche con i partner migliori e non deve sperperare miliardi di franchi in una collaborazione con le mediocri università dell’UE.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
19.06.2020
I passaggi vieppiù numerosi al servizio civile di persone assoggettate al servizio militare provocano un calo degli... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Guy Parmelin
È la prima volta che ho l’occasione di rivolgermi a voi quale svizzero ministro dell’economia. Sono molto... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
27.05.2016, di Thomas Aeschi
Il Consiglio federale ha annunciato la settimana scorsa la sua intenzione di ridurre le spese agricole di... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più pluralità, meno Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo