Comunicato stampa

Il gruppo parlamentare dell’UDC continua a lottare per l’apertura del settore della ristorazione

In vista del dibattito parlamentare sulla legge Covid-19, il gruppo parlamentare dell’UDC, nella sua riunione odierna, ha constatato con piacere che le sue proposte sono state approvate dalla Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N). I parlamentari dell’UDC approvano quindi una dichiarazione in tal senso all’indirizzo della Camera del Popolo. L’obiettivo è di apportare le seguenti modifiche alla legge Covid-19:

l’esercizio delle attività di ristorazione è nuovamente consentito a partire dal 22 marzo 2021. Ciò è soggetto al rispetto dei concetti di protezione necessari emanati dalla Confederazione o dai cantoni per combattere la pandemia (come la limitazione del numero massimo di visitatori per metro quadrato o il numero massimo di posti a sedere per tavolo);

gli stabilimenti e le imprese nei settori della cultura, dello spettacolo, del tempo libero e dello sport, in particolare i centri sportivi e fitness, sono riaperti a partire dal 22 marzo 2021 – nel rispetto dei piani di protezione emanati dalla Confederazione o dai Cantoni per combattere la pandemia (come la limitazione del numero massimo di visitatori per metro quadro);

i Cantoni il cui numero di casi è inferiore alla media svizzera sono autorizzati dal Consiglio federale ad allentare autonomamente le restrizioni a condizione che applichino una strategia di test, di vaccinazione e qualsiasi altra misura che contribuisca a contrastare la pandemia di Covid-19.

solo il Consiglio federale e il Parlamento sono autorizzati a informare il pubblico in merito alle misure decise per contrastare l’attuale pandemia.

Il gruppo UDC si è inoltre pronunciato a favore dell’aumento di 10 miliardi di franchi per l’aiuto relativo ai casi di rigore e per l’estensione delle prestazioni dell’assicurazione contro la disoccupazione nell’ambito del lavoro ridotto.

Infine, i parlamentari dell’UDC si sono espressi per una riduzione di 55 milioni di franchi dei crediti supplementari su un totale di 90 milioni di franchi richiesti per l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e l’Ufficio federale di statistica (UST).

La riforma dell’AVS è un’opzione valida

Durante questa sessione primaverile, il Parlamento esaminerà anche il progetto di riforma dell’AVS. Il gruppo UDC sostiene chiaramente questa revisione, che è un compromesso equilibrato dei partiti di borghesi per la stabilizzazione del primo pilastro fino al 2030. Dal punto di vista dell’UDC, la parificazione dell’età pensionabile a 65 anni è un punto particolarmente importante di questa riforma.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
11.08.2022, di Marco Chiesa
In questi giorni, chiunque legga i media noterà tre cose: 1. I giornalisti di sinistra sono particolarmente... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo