Comunicato stampa

Il gruppo parlamentare UDC si pronuncia a favore del sostegno agli indipendenti

Il gruppo parlamentare federale UDC s’è pronunciato oggi a favore dell’entrata in materia sulla legge Covid-19, affinché la sua mozione per il sostegno alle persone che esercitano un’attività lucrativa indipendente, che il Consiglio nazionale ha approvato oggi, possa essere applicata. In seguito, i parlamentari UDC hanno deciso di raccomandare all’assemblea federale delle due camere riunite, di non rieleggere il giudice federale Yves Donzallaz quale membro dell’UDC. Qualora Yves Donzallaz non considerasse più l’UDC come sua patria politica e decidesse entro il 23 settembre di lasciare il partito, il gruppo UDC sarebbe pronto a sostenere la sua rielezione come giudice federale apartitico.

Il Parlamento federale esaminerà durante questa sessione la legge federale sulle basi legali delle ordinanze del Consiglio federale volte a superare l’epidemia di Covid-19 (Legge Covid-19). L’UDC auspica in primo luogo un ritorno il più rapido possibile alla normalità. L’attuale numero di ospedalizzazioni e il tasso di decessi non giustificano il proseguimento delle restrizioni economiche. Il gruppo ha, cionondimeno, deciso oggi di entrare in materia su questa legge, tanto più che essa comporta anche l’applicazione della mozione del gruppo UDC a favore degli indipendenti, che il Consiglio nazionale ha approvato oggi.

I parlamentari UDC hanno pure deciso di sostenere la divisione in due parti del pacchetto di misure a favore dei media, dunque di separare il settore dei media online. Un sostegno finanziario diretto dei media online sarebbe altamente contestabile dal punto di vista della politica generale, della democrazia e delle finanze pubbliche. Sarebbe addirittura un’azione irresponsabile, considerate le enormi spese supplementari e il calo del gettito fiscale che attendono la Confederazione.

Il potere giudiziario diventa un “super-costituente”

Per il gruppo UDC vanno da sé sia la separazione dei poteri, sia l’indipendenza dei giudici. L’indipendenza della giustizia si basa tuttavia sulla necessità che i tribunali applichino le leggi approvate dal potere legislativo e dal popolo. Per l’UDC è estremamente problematico che il potere giudiziario si arroghi vieppiù competenze con il pretesto del diritto internazionale e tenti di diventare una sorta di “super-costituente”. Questo atteggiamento è preoccupante in un paese gestito in regime di democrazia diretta, perché estromette dal potere il popolo e il parlamento.

Il colloquio odierno del gruppo UDC con il giudice federale Yves Donzallaz è stato rivelatore. È emerso che i valori che animano Yves Donzallaz di distanziano su dei punti essenziali da quelli dell’UDC. Dopo una costruttiva discussione, il gruppo UDC ha perciò deciso di raccomandare all’assemblea federale delle due camere riunite la non-rielezione del giudice federale quale membro dell’UDC. Qualora Yves Donzallaz non considerasse più l’UDC come sua patria politica e decidesse entro il 23 settembre di lasciare il partito, il gruppo UDC sarebbe pronto a sostenere la sua rielezione come giudice federale apartitico.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
11.08.2022, di Marco Chiesa
In questi giorni, chiunque legga i media noterà tre cose: 1. I giornalisti di sinistra sono particolarmente... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo