Comunicato stampa

Il gruppo UDC vuole sgravare il ceto medio

Il gruppo UDC ha incontrato oggi (22.02.2019) verso mezzogiorno degli imprenditori a Willisau (LU). La sera, i parlamentari UDC, in compagnia dei consiglieri federali Ueli Maurer e Guy Parmelin, hanno risposto alle domande e ai suggerimenti della popolazione. L’UDC intende alleggerire il carico fiscale che sta schiacciando il ceto medio e chiede che l’esplosione dei premi dell’assicurazione-malattia siano compensati con un aumento delle deduzioni forfettarie nell’imposta federale diretta. Il gruppo s’è pronunciato all’unanimità a favore di un intervento in questo senso.

Il gruppo parlamentare UDC s’è riunito a Willisau per preparare la sessione primaverile delle Camere federali. Esso ha, in particolare, esaminato la mozione di Jean-Pierre Grin, che il Consiglio degli Stati discuterà probabilmente il prossimo 6 marzo. Questo intervento invita il Consiglio federale ad adattare la legge sull’imposta federale diretta, affinché il costante aumento dei premi dell’assicurazione-malattia sia compensato da un aumento delle deduzioni forfettarie nell’imposta federale diretta. Concretamente, si tratta di permettere alle persone celibi di dedurre dal loro reddito imponibile 3’000 franchi invece di 1’700 come attualmente. Le coppie potranno dedurre 6’100 franchi (attualmente 3’500) e ogni figlio o persona a carico darà diritto a una deduzione di 1’200 franchi (attualmente 700).

Il gruppo UDC ha inoltre deciso di depositare un’interpellanza inerente alla condanna di UBS in Francia.

L’iper-regolamentazione nuoce all’economia
Prima e dopo la seduta, il gruppo UDC ha avuto dei contatti con la popolazione e con gli ambienti economici di Willisau. Il mattino, i parlamentari hanno partecipato al forum economico dell’UDC Willisau nell’azienda BRACK,CH/Competec Logistik SA. Durante il dibattito in tavola rotonda, i rappresentanti di BRACK.CH hanno spiegato in modo impressionante a che punto l’iper-regolamentazione e la burocrazia imposta dai poteri pubblici compromettano la competitività delle imprese svizzere.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.08.2019
La decisione della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio degli Stati (CIP-CS) di respingere l’iniziativa “Sì al... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
13.08.2019, di Mauro Tuena
Molti partiti politici parlano volentieri di sicurezza, ma si defilano altrettanto regolarmente quando si tratta di adottare... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
13.08.2019
Come semplice uomo della strada, posso confermare le dichiarazioni fatte finora. Come hanno giustamente rilevato la signora... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo