Comunicato stampa

Il popolo dà fiducia a ciò che è collaudato

L’UDC prende atto dell’accettazione della legge sui giochi d’azzardo da parte della maggioranza delle cittadine e dei cittadini. D’ora in avanti delle offerte svizzere di giochi e di casino saranno ammesse anche su Internet. Il rigetto chiaro e netto dell’iniziativa “moneta intera” da parte di popolo e cantoni era prevedibile. Il paese delle banche Svizzera e la sua moneta stabile non sono un campo di sperimentazione monetaria.

Le cittadine e i cittadini erano perfettamente coscienti della dura concorrenza cui è soggetta la piazza finanziaria svizzera di fronte agli altri centri finanziari del mondo. In questo contesto, l’iniziativa popolare “moneta intera” ha preoccupato non soltanto le banche e gli investitori, ma anche i votanti. La Svizzera non è confrontata con alcun problema fondamentale in termini monetari e di creazione di moneta. Non si cambia una squadra che vince, devono essersi detti molti votanti, che hanno quindi respinto l’iniziativa. Dopo la crisi bancaria del 2008, la Confederazione ha adottato diverse misure legislative e rafforzato il controllo degli istituti finanziari, per ridurre il rischio di una nuova crisi.

Il popolo ha accettato la legge sui giochi d’azzardo. L’UDC si rallegra delle nuove misure adottate a protezione dei giocatori contro la dipendenza dal gioco e per impedire il riciclaggio di denaro e le truffe. Essa si aspetta ora, come è stato promesso, che il prodotto dei giochi d’azzardo sia destinato a progetti d’interesse generale e all’AVS/AI. Essa ricorda, tuttavia, che il SÌ del popolo non è un invito a imporre delle censure su Internet e a bloccare i concorrenti stranieri. Non passa mese senza che si discutano o si preparino in Svizzera nuove restrizioni su Internet (per esempio, la legge sulla protezione dei dati, sui diritti d’autore, revisione della legge sulle telecomunicazioni, booking.com, Uber, Flixbus, ecc.). Dei blocchi o delle ostruzioni della rete Internet non sono un buon mezzo per proteggere il mercato nazionale dalle offerte creativa, semplici e a buon mercato di produttori in linea stranieri. Queste misure di censura isolano il mercato e ostacolano l’innovazione.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
12.02.2019, di Gregor Rutz
Le discussioni sulla giustificazione e l’ammontare dell’imposta mediatica non cessano da quando la revisione della legge sulla... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.02.2019
L'UDC si rallegra dell’accordo commerciale firmato oggi dal ministro britannico del commercio Liam Fox e il ministro... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
11.02.2019, di Roger Köppel
Il Consiglio federale ha avviato le cosiddette “consultazioni” sul progetto d’accordo-quadro istituzionale UE-Svizzera. Il reale obiettivo di... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Caso particolare Svizzera

Autonomi e sicuri di sè.

Media

Più varietà, meno Stato.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Famiglia

Responsabilità personale invece di controllo.

Ambiente

Un ambiente intatto per i nostri successori.

Sanità

Qualità grazie alla concorrenza.

Formazione

Formazione orientata sulla pratica invece di smania di riforme.

Religioni

Dalla parte dei nostri valori.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo