Comunicato stampa

Il popolo s’è reso conto che si trattava di una pseudo-soluzione

L’UDC si rallegra del rifiuto dell’iniziativa contro la dispersione degli insediamenti da parte del popolo svizzero. Questo progetto esagerato non portava alcuna soluzione valida. L’unico intervento realmente efficace contro la cementificazione dei paesaggi è una riduzione dell’immigrazione.

Il rifiuto dell’iniziativa contro la dispersione degli insediamenti lanciata dai Giovani Verdi, si stava già delineando durante la campagna di voto. È in particolare grazie all’opera di informazione dell’UDC che questo progetto è stato così nettamente bocciato nell’urna. L’UDC ha saputo far comprendere, durante gli scorsi due mesi, a che punto questa iniziativa fosse esagerata e nociva per la Svizzera, per la sua popolazione e per la prosperità del paese.

Questo rifiuto chiaro e netto si spiega anche con il contenuto di questa iniziativa, che non era altro che una pseudo-soluzione del problema della dispersione degli insediamenti. L’unico strumento efficace contro la cementificazione dei nostri paesaggi è una gestione autonoma dell’immigrazione, come chiede l’iniziativa UDC per la limitazione. Una crescita moderata e sopportabile per gli esseri umani e per l’ambiente è possibile unicamente se la Svizzera può decidere lei stessa il numero d’immigranti che hanno il diritto di lavorare e vivere in questo paese.

L’anodina abbreviazione “LPT 2” cela la prossima restrittiva revisione della legislazione sulla pianificazione del territorio. Questa riforma prende principalmente di mira gli spazi nei quali, generalmente, è proibito costruire, dunque al di fuori delle zone edificabili. L’UDC chiede che, prima di appesantire ancora di più questa regolamentazione, si attendano i risultati della legge sulla pianificazione del territorio (LPT 1) entrata in vigore appena nel 2014 e che non è ancora stata applicata dappertutto.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
07.06.2022
Il gruppo parlamentare dell'UDC respinge il piano di salvataggio per le aziende energetiche. Il Consiglio federale deve... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
19.02.2022
Già nel 2024/25 la Svizzera non avrà più abbastanza elettricità, soprattutto in inverno. Nella sua riunione a... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
18.02.2022
Il gruppo parlamentare della UDC si è riunito a Kerenzerberg/Filzbach (GL) per una riunione di due giorni... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più pluralità, meno Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo