Comunicato stampa

Il risultato di misura è la fattura per l’accondiscendenza a sinistra

Il risultato di misura delle votazioni è un campanello d’allarme per le associazioni economiche e per i partiti di centro: devono finalmente schierarsi chiaramente contro i rossoverdi, distanziandosi dal loro socialismo ridistributivo.
UDC Svizzera si rallegra per il rigetto delle iniziative dell’estrema sinistra «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico» e «Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente». Le cittadine e i cittadini hanno così scongiurato gravi danni alle imprese svizzere e agli istituti di previdenza. Del fatto che il risultato sia stato di misura, sono corresponsabili alcune associazioni economiche, prima fra tutti Economiesuisse: questa è la fattura che paghiamo perché non osano distanziarsi con coraggio dai rossoverdi.

L’iniziativa per aziende responsabili, lanciata contro l’economia da organizzazioni di sinistra per i diritti dell’uomo e per l’ambiente, avrebbe danneggiato gravemente la piazza industriale svizzera e messo a rischio posti di lavoro. Perché l’accettazione di questa iniziativa avrebbe portato a un’ondata di azioni legali contro le aziende svizzere, orchestrata da enti umanitari. L’UDC è sollevata, che la maggioranza delle cittadine e dei cittadini svizzeri non si sia lasciata ricattare moralmente dagli iniziativisti.

Il risultato di misura è tuttavia preoccupante. Esso indica che in Svizzera è sorto un clima di generale ostilità nei confronti dell’economia. Questo è guidato, tramite resoconti mediatici unilaterali, da ONG alimentate con milioni di denaro dei contribuenti e da organizzazioni lobbistiche a favore del clima.

Corresponsabili di questo atteggiamento sono però anche certe organizzazioni economiche che si lasciano prendere per il naso dal mainstream ecologista e non si accorgono che, sotto una pennellata di verde, si cela la vecchia politica di ridistribuzione socialista.

L’Unione degli imprenditori ed Economiesuisse a letto con Operazione Libero

L’Unione degli imprenditori si lascia sfruttare – come ora di nuovo con i programmi di ridistribuzione nella previdenza professionale. Un’immagine analoga si nota presso Economiesuisse: l’associazione economica mantello non si distanzia chiaramente da una legge sul CO2 che non porta nulla, se non costi elevati e regolamentazioni per l’economia e per i cittadini. Anche in materia di integrazione nell’UE e di immigrazione incontrollata, entrambe le associazioni preferiscono andare a letto con Operazione Libero, invece di cercare, assieme alla maggiore forza borghese, delle soluzioni negli interessi dell’economia svizzera, delle Sivzzere e degli Svizzeri.

Anche i partiti di centro sono corresponsabili di questo risultato. In particolare, l’(ancora)PPD è apparso molto inconsistente. Molti rappresentanti del partito, anche di spicco, si sono schierati a favore dell’antieconomica iniziativa per aziende responsabili.

Questo risultato della votazione deve essere un campanello d’allarme per le associazioni economiche e per il centro borghese. Devono richiamarsi ai loro valori liberali e assumere in futuro una chiara posizione contro i rossoverdi.

Uno scacco per gli abolitori dell’esercito

L’UDC prende atto con sollievo del NO all’iniziativa «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico». Le cittadine e i cittadini hanno così rafforzato la sicurezza della Svizzera e inflitto uno scacco a chi vorrebbe abolire l’esercito. Perché questo è e rimane l’obiettivo finale del Gruppo per una Svizzera senza Esercito (GSsE), che aveva lanciato questa iniziativa.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Conferenza stampa
Condividi articolo
15.10.2021
Insieme al proprio movimento giovanile, l'UDC ha lanciato oggi la campagna contro l'inasprimento della legge Covid-19. Alla conferenza... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
07.10.2021
Le esagerate misure restrittive non sono più giustificate. Il numero dei contagi sta diminuendo e le unità... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
30.09.2021
La Svizzera deve ancora una volta gettare 1,3 miliardi di Franchi dei contribuenti tra le fauci dell'UE... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo