Comunicato stampa

Il voto elettronico non è sicuro ed è costoso: l’UDC chiede una sospensione dei lavori

Il Consiglio federale ha avviato una procedura di consultazione sul voto elettronico. Il suo obiettivo è di fare che questa tecnica diventi il terzo canale ordinario di voto e d’elezione. Ma il sistema di voto elettronico offre nuove possibilità di manipolazione ed è soggetto a panne. L’UDC chiede una sospensione dei preparativi.

Il voto elettronico è inutile; è costoso; assorbe importanti risorse nelle amministrazioni e minaccia la fiducia delle cittadine e dei cittadini nei risultati di elezioni e votazioni. L’UDC ha perciò depositato, durante la sessione invernale, un’iniziativa parlamentare che è stata co-firmata da deputati di tutti i partiti di governo, come pure da rappresentanti dei Verdi e del PEV. L’UDC chiede che i lavori preparatori del voto elettronico siano sospesi fino a quando il Consiglio federale avrà presentato un rapporto nel quale si dimostri, da una parte che gli attuali problemi inerenti alla sicurezza sono risolti e, dall’altra, che il voto elettronico risponda a un effettivo bisogno.

Le discussioni sulla sicurezza dei dati e sulle manipolazioni elettorali tramite le nuove tecnologie si sono intensificate in questi ultimi anni. L’introduzione di sistemi di voto elettronico comporta un grave rischio. Alla fine, solo un piccolo numero di specialisti in informatica saprà effettivamente se delle elezioni o delle votazioni si siano svolte correttamente. Inoltre, l’esercizio del voto via Internet facilita gli interventi di attori estranei nel nostro sistema politico.

Bisogna che i risultati di elezioni e votazioni siano comprensibili per ogni cittadina e cittadino. Le manipolazioni devono essere escluse e il segreto dell’urna salvaguardato. Queste condizioni essenziali sono soddisfatte dal sistema attuale basato su un conteggio decentralizzato dei voti. L’UDC combatte dunque l’introduzione di un sistema di voto elettronico centralizzatore e che ingloba tutta la Svizzera. Basterebbe un solo tentativo di manipolazione perché la fiducia delle cittadine e dei cittadini sia durevolmente compromessa.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.02.2019
Il gruppo UDC ha incontrato oggi (22.02.2019) verso mezzogiorno degli imprenditori a Willisau (LU). La sera, i... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.01.2019
La Commissione di politica estera del Consiglio nazionale (CPE-CN) aveva l’intenzione, con la sua audizione pubblica sull’accordo-quadro... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.12.2018
Le pressioni dell’UDC hanno avuto effetto: dopo il Consiglio degli Stati, anche il Consiglio nazionale ha deciso... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Ambiente

Un ambiente intatto per i nostri successori.

Trasporti

Via libera senza vessazioni.

Media

Più varietà, meno Stato.

Formazione

Formazione orientata sulla pratica invece di smania di riforme.

Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Energia

Per un approvvigionamento energetico sicuro ed economico.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo