Comunicato stampa

Incaricata l’UDC Svizzera: Il disastro derivante da una penuria di energia elettrica dev’essere evitato!

Nella sua riunione odierna a Bellelay (BE), il Comitato centrale dell’UDC ha incaricato il partito di fare tutto il possibile per evitare il disastro relativo alla penuria di energia elettrica in Svizzera. Ha adottato un corrispondente mandato da sottoporre all’Assemblea dei delegati di domani. Per l’adozione delle indicazioni di voto in merito alle votazioni federali del 13 febbraio, il Comitato centrale raccomanda all’unanimità ai delegati di votare SÌ all’abolizione dell’imposta di bollo, NO alla legge sulla promozione dei media così come alle iniziative estreme sul divieto della pubblicità del tabacco e sul divieto degli esperimenti sugli animali.

È ovvio: la Strategia energetica 2050 ha fallito. I principali rappresentanti dell’economia, del Governo federale e della comunità scientifica sono concordi, una penuria di energia elettrica è la più grande minaccia per il nostro Paese e diventerà realtà già tra due o tre anni.

Le conseguenze sarebbero catastrofiche e colpirebbero duramente tutti nel nostro paese in tutti i settori della vita e distruggerebbero la nostra prosperità.

Cosa sta facendo la Consigliera federale responsabile, Simonetta Sommaruga? Niente. Peggio ancora, non c’è nemmeno un responsabile per garantire l’approvvigionamento energetico. La consigliera federale Sommaruga preferisce continuare il suo volo ecologico alla cieca piuttosto che proteggere la popolazione del nostro Paese da questa prevedibile catastrofe.

Il Comitato centrale ha quindi deciso all’unanimità durante la sua riunione odierna a Bellelay (BE) che l’UDC Svizzera deve fare tutto il possibile per garantire un approvvigionamento energetico indipendente ed economico. Concretamente, l’UDC Svizzera deve impegnarsi affinché il Consiglio federale:

  • nomini immediatamente un generale per l’energia e lo incarichi di elaborare delle varianti di soluzione per un approvvigionamento elettrico sicuro, indipendente ed economico entro l’estate del 2022.
  • posticipi gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 a favore di un approvvigionamento energetico domestico sicuro.
  • ritenga responsabili i Cantoni e le Città che perseguono politiche energetiche irresponsabili. In concreto, il razionamento dell’elettricità dovrebbe colpire prima di tutto Cantoni come Zurigo e Basilea Città, le quali politiche in ambito energetico, come il divieto del riscaldamento a olio, alimentano ulteriormente il verificarsi di una penuria.

Un chiaro SÌ a favore dei posti di lavoro svizzeri il 13 febbraio

In merito alle votazioni federali del 13 febbraio, il Comitato centrale dell’UDC Svizzera raccomanda all’unanimità ai delegati di votare SÌ alla modifica della legge federale sulla tassa di bollo. L’abolizione dell’imposta di bollo alleggerirà l’onere alle PMI e alle start-up e contribuirà così a salvaguardare i nostri posti di lavoro.

Per quanto riguarda la legge federale relativa al pacchetto di misure a favore dei media, il comitato centrale raccomanda all’unanimità ai delegati di votare “NO”. Le centinaia di milioni di Franchi dei contribuenti andrebbero principalmente a beneficio dei grandi gruppi editoriali della Svizzera tedesca come Ringier o CH-Media (Tagesanzeiger) e non dei piccoli giornali regionali. Inoltre, questa legge aumenterebbe il numero di media statali. Quanto questo sarebbe problematico è stato dimostrato dall’attuale pandemia da Covid-19 e dall’amministratore delegato del gruppo Blick che ha prescritto alle redazioni del suo gruppo una linea editoriale fedele al Governo federale.

Il Comitato centrale raccomanda inoltre all’unanimità ai delegati di votare contro le due iniziative popolari estreme “Sì al divieto della sperimentazione animale e umana” e “Sì alla protezione dei bambini e dei giovani dalla pubblicità del tabacco (bambini e giovani senza pubblicità del tabacco)”.

UDC tra la Gente nello storico caseificio di Bellelay

Dopo l’incontro, il comitato centrale dell’UDC Svizzera e il Consigliere federale Guy Parmelin hanno incontrato la popolazione locale nello storico caseificio “Maison de la Tête de Moine” per una tradizionale “UDC tra la Gente”.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2022
Ad un esame più attento, il rapporto del Consiglio federale sulla nutrizione si rivela del tutto inadeguato.... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
28.06.2022, di Thomas Hurter
Da qualche mese a questa parte, ci è stato improvvisamente fatto notare che noi, e diversi altri... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Manuel Strupler
La Svizzera da 10 milioni di abitanti sarà presto una realtà, con conseguenze devastanti per il nostro... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo